Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma inquietante: con l'Atalanta arriva solo un pari

1-1 all'Olimpico: Totti e Denis, entrambi su rigore. Prova sconcertante.

Doveva essere la partita del controsorpasso, e quella che avrebbe dovuto sancire l'uscita dalla crisi, dopo i progressi mostrati nelle ultime tre gare. Invece, la Roma si ritrova in novanta minuti di nuovo nel tunnel del non gioco, della mancanza di carattere e dell'indolenza. Merito (ma neanche tanto...) dell'Atalanta di Edi Reja, che ferma sull'1-1 i giallorossi nell'Olimpico privo dei tifosi della Curva Sud.

PRIMO TEMPO – Rudi Garcia ritrova il suo capitano, e lo schiera da punta nel 4-2-3-1, con Florenzi, Iturbe e Ljajic a supporto e Paredes e Nainggolan a centrocampo. Ben conoscendo Reja e le sue squadre, la più grande difficoltà della gara avrebbe dovuto essere quella di trovare il gol. Uno dei tanti segnali inquietanti è che la Roma c'era riuscita, invano, dopo appena due minuti: giocata di Ljajic al vertice sinistro dell'area e intervento scoordianto di Stendardo che colpisce la palla con un braccio. E' rigore, e trasforma Francesco Totti. Anziché cercare il colpo del ko, la Roma sceglie di rallentare (è un eufemismo) il ritmo della gara, con un possesso di palla lentissimo e talora snervante, che il pubblico non gradisce. E, al 24', in una delle poche ripartenze nerazzurre, è Davide Astori a regalare un rigore agli atalantini con un intervento sconcertante su Gomez. Dal dischetto, segna Denis. A questo punto, alla Roma manca totalmente un cambio di ritmo. Tanto che, per lunghi minuti, si assiste alla scena incredibile dell'Atalanta che gestisce il pallone con una fitta rete di passaggi, e dei giallorossi che, in pieno affanno, non sono in grado di opporre un pressing efficace. Tanto che i due pericoli costruiti dagli uomini di Garcia sono totalmente casuali. Al 26' Holebas mette un cross nell'area piccola su cui Totti non arriva. Due minuti dopo Florenzi, favorito da un rimpallo, si ritrova a tu per tu con Sportiello, ma calcia addosso al portiere. Questo è, di fatto, il primo tempo, con la Roma sommersa di fischi al 45'.

SECONDO TEMPO – La ripresa non è migliore del primo tempo, e Garcia, dopo pochi minuti, prova a inserire Ibarbo e Keita per Iturbe (un fantasma) e Paredes. Tuttavia, nonostante il baricentro si sposti sulla trequarti e l'Atalanta abbassi l'azione difensiva, per vedere un rischio concreto per la porta di Sporiello bisogna attendere il 30', quando una buona verticalizzazione di Florenzi libera Torosidis al tiro dai 16 metri, controllato però con facilità dal portiere atalantino. Due minuti dopo, Ljajic prova per l'ennesima volta, e per una volta riesce, in un numero partendo da sinistra, e conclude: Sportiello non trattiene, ma Torosidis non riesce a deviare in porta. Col passare dei minuti, crescono tensione e incapacità di ragionare. Né sortisce effetti la mossa della disperazione di Garcia, con Doumbia al posto di Torosidis. Alla fine, sono solo fischi.

Dunque, la Roma fallisce, e malamente, il controsorpasso sulla Lazio. Lo fa con una prova senza nerbo, senza gioco, senza gamba e senza carattere. E' davvero difficile salvare qualcuno: solo Florenzi, Nainggolan e Totti raggiungono la sufficienza. Per il resto, da brividi la coppia di centrali, e inguardabili in attacco sono Ljajic e, soprattutto, Iturbe. Si riaddensano oscuri presagi.

 

Simone Luciani

 

Roma-Atalanta 1-1

 

ROMA De Sanctis; Torosidis (dal 39' s.t. Doumbia), Yanga-Mbiwa, Astori, Holebas; Paredes (dal 12' s.t. Keita), Nainggolan; Iturbe (dal 12' s.t. Ibarbo), Ljajic, Florenzi; Totti (Skorupski, Cole, Spolli, Balzaretti, Calabresi, Uçan, Pellegrini, Verde, Sanabria). All. Garcia.

ATALANTA Sportiello; Benalouane; Stendardo, Masiello, Dramé; Estigarribia, Baselli (dal 14' .t. Migliaccio), Carmona, Gomez; Emanuelson (dal 20' s.t. Moralez); Denis (dal 35' s.t. Bianchi) (Avramov, Frezzolini, Del Grosso, D'Alessandro, Zappacosta, Rosseti, Grassi, Yannick). All. Reja.

ARBITRO Gervasoni di Mantova.

MARCATORI Totti (R) al 3' su rig, Denis (A) al 23' su rig.

NOTE spettatori 35.000, incasso 993.760 euro. Ammoniti: Baselli, Benalouane, Dramè, Astori, Yanga-Mbiwa, Migliaccio e Stendardo per gioco scorretto, Paredes per comportamento non regolamentare, Florenzi per proteste.

[19-04-2015]

 
Lascia il tuo commento