Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

La Virtus ben comincia

Superata con agio la Juve Caserta

Ottima partenza di campionato per l'Acea Roma, che supera 75-62 la Pasta Reggia Caserta nel debutto casalingo davanti ad un pubblico invero poco numeroso. Una gara che i ragazzi guidati dall'ottimo Dalmonte hanno affrontato con il giusto piglio su entrambi i lati del campo, agevolati - va detto - dalle rotazioni cortissime degli avversari, scesi sul parquet già privi di diversi effettivi infortunati e con un Howell a mezzo servizio causa febbre. Così la difesa asfissiante dei padroni di casa ha gioco facile nel costringere la squadra campana a numerose forzature e ad un numero esagerato di palle perse (24), che unite all'ampio divario a rimbalzo (43-32) permettono ai locali di tirare più spesso a canestro e di muovere perciò con più velocità e profitto il tabellone dei punti.

E' in chiusura di prima frazione di gioco che la Virtus comincia a scavare il solco con l'allungo del + 8 (38-30) che porta le due squadre all'intervallo. Nel terzo periodo, poi, Caserta smette di segnare per lunghi minuti, col divario che cresce fino a raggiungere il massimo vantaggio interno al 32' (61-44), senza che il tardivo e parziale recupero dei casertani riesca davvero ad impensierire i virtussini.

Convincenti le prove dei debuttanti assoluti nel campionato italiano come De Zeeuw, Ejim e Morgan, mentre il già collaudato Gibson si erge a migliore in campo coi suoi 21 punti, alcuni dei quali di pregevole fattura tecnica. Da rivedere l'apporto offensivo di un impreciso ed emozionato Triche, mentre i veterani dei parquet italiani D'Ercole, Bobby Jones e Stipcevic garantiscono - pur con qualche alto e basso di troppo - il loro contributo alla causa. Menzione d'onore, infine, per l'italiano Sandri, al vero debutto in serie A e già buon protagonista con una serie di giocate "intangibles", molto apprezzate dai compagni e - crediamo - dal coach.

Il quale coach, al secondo anno sulla panchina virtussina, si rivela decisamente più a proprio agio rispetto alla scorsa stagione, grazie ad una squadra che pare seguirlo con cieca fiducia e capace anche di sciorinare una buona pallacanestro non solo difensiva. Per avere conferme più attendibili sul valore effettivo della nuova Virtus non resta che aspettare i prossimi impegni, primo in ordine in tempo la tresferta in Eurocup di mercoledì 15 (ore 20,30) sul campo dello Charleroi, per poi concludere la settimana con il posticipo di domenica 19 (ore 20,30 diretta Raisport1) sul difficile parquet dell'ambiziosa Reyer Venezia.

Andrea De Paolis

[12-10-2014]

 
Lascia il tuo commento