Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Lavori per le tendopoli per i rom, insorgono i Municipi

pronta la fase due del piano di Alemanno

Nulla è ancora certo, ma i residenti già insorgono. L’insediamento delle tendopoli destinate ad accogliere provvisoriamente i nomadi attualmente nelle decine di microcampi romani è destinato a far discutere. 

Il rimbalzo di indiscrezioni dei giorni scorsi sulle zone inidiziate a ricevere le tende della protezione civile hanno innescato immediatamente reazioni a catena.  Massimiliano Lorenzotti, presidente dell’VIII municipio, si è detto indisponibile ad un ulteriore sforzo. 

Un campo tende a Torre Spaccata porterebbe il territorio al collasso – ha tuonato il minisindaco, che si è detto anche pronto a rimettere l’incarico nelle mani di Alemanno.  La polemica è il segno di quanto l’emergenza nomadi stia creando tensioni all’interno del Pdl. 

L’aspro confronto a distanza tra il primo cittadino e il sottosegretario Giro è stata la punta dell’iceberg di un clima di nervosismo latente.  “L'ultima parola spetta al prefetto” ha ricordato ieri Alemanno, cercando di allentare la pressione nata dalla tragedia dei quattro rom morti nel rogo dell’appia.    

Nel XVI municipio invece è la vallata di Massimina destinata ad ospitare uno degli accampamenti da 250 tende. In attesa delle decisioni del Viminale, il presidente Bellini frena ed è lo stesso sindaco a bloccare i lavori di costruzione della tendopoli. "Ho chiesto al Prefetto di Roma di sospendere i lavori per il campo provvisorio di emergenza a Villa Troili". Ha detto il sindaco Alemanno riferendosi alla tendopoli che dovrebbe sorgere a Massimina. "Entro domani - afferma il sindaco - ascolterò le ragioni dei consiglieri municipali di centrodestra e centrosinistra che si contrappongono a questo insediamento che, come mi ha garantito il Prefetto, sarebbe solo provvisorio e di breve durata. Invito tutti coloro che scatenano la protesta contro questo o quel sito individuato, sia per i campi di emergenza che per quelli definitivi, a fare le controproposte perchè - conclude Alemanno - il Prefetto deve intervenire per cominciare lo sgombero di tutti gli insediamenti abusivi pericolosi".

 
 

[15-02-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE