Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Asl Rm B, servizi senza gara d'appalto

l'accusa del sindacato Rdb Cub

I servizi informatici e telefonici della asl roma B sono stati affidati senza gara d’appalto. Dopo l’accusa del sindacato Rdb Cub arriva anche la conferma della manager Flori De Grassi che carte alla mano ha confermato il caso di appalto facile al colosso telecom avvenuto però 8 anni fa, quindi prima del suo arrivo nel distretto sanitario.

L’ennesimo scandalo romano, già agli atti dei pm, è finito sul tavolo della procura della Repubblica con un esposto presentato dallo stesso sindacato. Una truffa da 30 milioni di euro. A tanto ammonta il compenso che in 10 anni la asl romab avrebbe concesso a telecom per l’erogazione dei servizi telefonici e informatici.

Proprio questi ultimi, però, secondo i sindacati, sarebbero stati gestiti da una ditta esterna, una cooperativa sociale che oltre a togliere il lavoro al personale sanitario avrebbe svuotato le tasche della asl e sottopagato i lavoratori.

Il personale Telecom, infatti, per 25 ore settimanali costa 21.660 euro contro le 17.380 percepite da un dipendente della asl. Questo, a scapito dei lavoratori, che percepiscono stipendi annui che vanno dai 6mila agli 8.500 euro. La denuncia delle Rdb cub si aggiunge così ai libri bianchi del sindacato: pagine di scandali e truffe che hanno già mobilitato la corte dei conti e fatto bloccare ben due gare d’appalto irregolari al san camillo del costo di oltre 120 milioni di euro.

 
TAG: truffa - Asl
 

[22-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE