Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ancora allarme bomba, questa volta all'ambasciata Greca

intervenute tre squadre dei vigili del fuoco, pacco inesploso

Torna l’allarme pacchi bomba nelle ambasciate di Roma. Stamattina un plico, del tutto analogo a quello recapitato giovedì scorso nelle sedi diplomatiche di Svizzera e Cile, è stato aperto all’ambasciata greca da un impiegato e solo per un caso non è esploso.

Si è trattato di un pacco ricoperto da una busta gialla contenente un porta cd con un innesco a strappo. A quanto si apprende l’ordigno era stato recapitato venerdì quando il personale però non era presente a causa delle festività natalizie.
Secondo il portavoce del ministero degli esteri greco non esisterebbero collegamenti tra questo evento e la serie di attentati dinamitardi di novembre avvenuti nel paese ellenico. In mattinata falsi allarmi sono scattati anche nelle ambasciate venezuelana, marocchina, danese, e del principato di Monaco.

Intanto la procura di Roma, dopo le due buste esplosive recapitate nelle sedi diplomatiche di Svizzera e Cile il 23 dicembre, procede per un unico fascicolo ipotizzando il reato di attentato con finalità di terrorismo. Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire a ritroso il percorso dei plichi spediti dall’Italia. La matrice sarebbe quella della federazione anarchica informale, la stessa che ha rivendicato gli ordigni di giovedì.

Oggi sono iniziate le indagini dei Ris dei Carabinieri che dovranno chiarire se l’esplosivo e il tipo di innesco siano stati già utilizzati in altri attentati. La pista resta quella degli ambienti anarchici e l’attenzione è rivolta soprattutto ai centri sociali di milano e firenze. Secondi gli inquirenti però i colpi sarebbero stati pianificati in riunioni riservate, lontano dai locali degli stessi centri. Lo scopo degli attentatori sarebbe stato quello di creare un effetto emulazione.

ALEMANNO - "Innanzitutto bisogna comprendere se fanno parte della prima ondata -ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno - Questo significa, ma l'avevamo capito fin dal primo momento, che c'è un gruppo anarchico, di terrorismo, che vuole dare un segnale a livello internazionale purtroppo scegliendo la nostra città".
 
 

[27-12-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE