Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Dibattito sui Dico

domani manifestazione a piazza Farnese

L’hanno definito il giorno della "sveglia", un modo per dire che per i cittadini gay, lesbiche e transgender italiani è scoccata "l'ora dei diritti". Questo lo slogan scelto per la manifestazione nazionale dell’arcigay che domani alle 15.30 sarà nella centralissima piazza farnese, proprio a due passi da quel campo de' fiori dove nel 1600 fu arso vivo giordano bruno l’antesignano del laicismo e dove oggi si erge la statua del filosofo non a caso rivolta verso il vaticano.

La kermesse, a cui si prevede parteciperanno oltre 50 mila persone, sarà diretta dal conduttore televisivo alessandro cecchi paone, e vedrà il suo momento più significativo nel confronto che le coppie di fatto, avranno con i capigruppo alla camera e al senato di rifondazione, comunisti italiani e verdi e con i vicepresidenti dei due rami del parlamento gavino angius e carlo leoni.

Saranno presenti anche il ministro dell'ambiente alfonso pecoraro scanio, il sottosegretario alla giustizia luigi manconi e quello alla famiglia maria chiara acciarini. Presenze politiche che hanno già diviso il governo tanto che il ministro della giustizia clemente mastella ha già promesso che parteciperà al “family day”, un appuntamento cattolico fissato a maggio in risposta a quello di domani.

La manifestazione inizierà con un'ora di musica, a seguire ci saranno spettacoli e talk-show fino al momento clou, quello delle 18 quando dalla piazza si leverà un trillo per dare "la sveglia e ricordare l'ora dei diritti".

I manifestanti chiederanno parità per le coppie omosessuali e diritti completi, una legge che riconosca il valore sociale dei nuovi tipi di famiglia, ma anche l’estensione dei riconoscimenti ai conviventi siano essi etero che omosessuali.
Diritti che saranno chiesti anche per il compagno di Roberto Chiesa, il 64enne assassinato die giorni fa nel suo appartamento a san giovanni. Una tragedia, fa notare l’arcigay, a cui si aggiungono difficoltà notevoli: il compagno di chiesa ad esempio non avrà la reversibilità della pensione, di affitto né altri tipi di riconoscimenti.
Gli organizzatori assicurano che tutto si svolgerà all’insegna del pacifismo…per ora lo scontro è dichiarato solo all’interno dell’unione.

-L'evento sarà trasmesso in diretta su ROMA UNO TV-

 
TAG: dico
 

[09-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE