Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

My son, my son, what have ye done

di Werner Herzog. Con Michael Shannon, Willem Dafoe, Chloe Sevigny

di Rosario Sparti

Brian McCullum, giovane promessa del teatro con una particolare passione per l’Elettra di Sofocle, ha commesso un matricidio e si è barricato in casa con degli ostaggi. Il detective Havenhurst indaga sulle ragioni di questo gesto di follia interrogando, tra gli altri, la fidanzata e l’insegnante di recitazione. Non c’è più separazione tra realtà e finzione.

Presentata al festival di Venezia 2009, l’ultima opera di Werner Herzog nasce sotto la luce d’una bizzarra e stimolante collaborazione, quella tra il  tedesco e il regista cult David Lynch, che qui appare in veste di produttore esecutivo. Il film sin dalla composizione del cast vede l’abbracciarsi dei due universi cinematografici, dai lynchiani Willem Dafoe e Grace Zabriskie all’herzoghiano Brad Dourif, fino a presenze inedite e molto convincenti quali il protagonista Michael Shannon.

La trama si ispira a un delitto avvenuto in California nel 1979. L'allora 34enne Mark Yavorsky, promessa del basket e della recitazione, uccise la propria madre, ispirandosi a un personaggio dell’ Elettra di Sofocle, con un'antica sciabola e venne poi dichiarato non sano di mente. Con questo stringato racconto già è possibile leggere la volontà da parte dell’autore di sondare il labile confine tra finzione e realtà, follia e normalità che alberga nell’umanità.

Queste tematiche caratteristiche del regista, così come il nomadismo del personaggio e l’uso delle musiche, si incrociano alla rappresentazione d’un universo tipicamente lynchiano, come si nota dalla scena iniziale del dialogo in auto tra i poliziotti. Questa immersione nella mente malata d’un assassino, di cui non riusciamo a comprendere le ragioni ed il percorso che l’ha condotto alla tragica conclusione, appare affascinante e disturbante al tempo stesso. L’impressione finale è quella di un divertissment di due grandi registi che si rispettano ed omaggiano a vicenda, conturbante ma anche fine a se stesso.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - herzog - lynch - dafoe
 

[06-09-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE