Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il giallo dei due cadaveri del Tiburtino

forse una partita di droga tagliata male

Si dovrà attendere l’autopsia per avere la certezza della morte per overdose dei due cadaveri scoperti ieri mattina a un distributore di benzina sulla Palmiro Togliatti. Solo l’esame, che sarà eseguito domani all’Istituto di medicina legale della Sapienza, potrà fornire qualche dato in più sul loro decesso. Da chiarire, tra l’altro, rimane ancora l’identità di due uomini, uno sui 30 l’altro sui 40 anni, probabilmente dell’Est europeo. Gli inquirenti, al momento, non escludono nessuna ipotesi, nemmeno quella dell’omicidio.

Le ecchimosi riscontrate potrebbero, però, essere state inferte successivamente. Anche i segni sul collo di uno dei due cadaveri non portano necessariamente a credere allo strangolamento.  L’unica cosa che appare certa è che i corpi siano stati trasportati accanto al distributore da un altro luogo, dove sarebbe avvenuto il decesso. Vicino ai cadaveri sono state trovate, infatti, tracce di pneumatici. Inoltre, uno dei due era a piedi scalzi e aveva delle ferite sui talloni, segno del trascinamento del corpo da parte di una o più persone.  

L’ipotesi dell’overdose fa temere una partita di droga tagliata male, acquistata forse da un pusher sconosciuto. Altro interrogativo riguarda il perché i due corpi siano stati lasciati in vista, invece di seppellirli o nasconderli tra la fitta vegetazione. Si pensa alla possibilità che chi li abbia trasportati, forse più di una persona, abbia volutamente lanciato un segnale a qualcuno. La polizia cerca testimonianze ed ha ascoltato per primo il titolare della pompa di benzina che ha ritrovato i cadaveri all’alba di ieri. Nulla di significativo sembrerebbe essere emerso, al momento. Si indaga tra gli abituali frequentatori del vicIno Parco Madre Teresa: non tra i molti sportivi che di giorno fanno footing, ma tra coloro, sbandati, prostitute e tossicodipendenti, che di notte trasformano l’area verde in una zona a forte rischio. Come testimoniato dal tentativo di stupro su una ragazza avvenuto nel Settembre scorso.

 
 

[13-07-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE