Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

La denuncia della famiglia Gugliotta

Stefano avrebbe subito un pestaggio dalla polizia

A Roma dopo la finale di Coppa Italia, il venticinquenne Stefano Gugliotta viene avvicinato da un agente che lo schiaffeggia apparentemente senza nessuna ragione. Poco dopo l'arrivo di altri poliziotti che lo accerchiano, continuano a picchiarlo e infine lo arrestano. Le immagini sono state girate dai residenti con un telefonino, secondo gli avvocati della famiglia il giovane era stato scambiato per un tifoso che aveva partecipato ad alcuni scontri. Ora si trova in carcere.

POLEMICA - Monta la polemica sulla vicenda di Gugliotta, vittima del presunto pestaggio da parte della polizia ripreso da un video girato da un testimone. La famiglia del giovane chiede la scarcerazione, il padre, visitandolo in carcere, avrebbe notato un dente rotto e ferite alla testa.

IL CASO IN PARLAMENTO - Il caso arriva lunedì anche in Parlamento, con una interrogazione urgente presentata dal Pd al ministro dell'Interno Maroni per sapere se davvero il giovane romano sia stato "colpito a freddo da agenti di polizia in tenuta anti sommossa in una zona nei pressi dello stadio Olimpico". Lo annuncia Emanuele Fiano, responsabile sicurezza dei democratici:" Chiediamo al ministro Maroni di sapere esattamente che cosa sia successo a Stefano Gugliotta, in carcere a Roma dal 5 maggio".

LA DENUNCIA -Erano stati proprio i genitori, i signori Gugliotta, a denunciare il fatto. Il 25enne è ancora in carcere, in isolamento, dopo essere stato fermato da poliziotti la sera del 5 maggio scorso. La famiglia del giovane ha mandato un video dell'accaduto ripreso con un telefonino dall'alto - probabilmente dalla loro abitazione - a "Chi l'ha visto?", la trasmissione di Rai3, che lo ha diffuso sul suo sito. Il fermo di Stefano Gugliotta, secondo quanto riferisce la famiglia, è avvenuto in viale Pinturicchio, alle 21,40, nei pressi dello Stadio Olimpico. Al giovane saerebbe stato imposto di firmare una dichiarazione in cui rifiutava il ricovero in ospedale.

LA POLIZIA - La risposta della Questura è chiara: "In ordine all'operato delle forze dell'ordine a seguito degli scontri verificatisi nel dopo partita della finale di coppa Italia 'Inter-Roma', la Questura di Roma "procederà a verificare con scrupolo e massima trasparenza l'esatta dinamica degli eventi, non potendosi tollerare eccessi e abusi che, qualora commessi, saranno, oltre che penalmente perseguiti, anche disciplinarmente sanzionati".

 

 
 

[10-05-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
 
 
  CORRELATE