Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Renata Polverini, proclamazione in Regione

ma scoppia il ''caso Zaccheo'' da un video di Striscia

Cerimonia ufficiale per Renata Polverini, neo Presidente di Regione oggi proclamata presidente della Regione Lazio dall'Ufficio Centrale elettorale della Corte d'Appello di Roma "Sono emozionata. -ha detto- Resto Renata. Dopo le elezioni è questo il momento in cui senti il peso della responsabilita", ha detto Polverini.

COMMOSSA - Occhi lucidi, Polverini ha ritirato l'attestato della sua nomina e di quella dei componenti del listino. "Mi viene da piangere, - ha detto Polverini - poi piangerò". E infatti poco dopo è scoppiata a piangere. Mentre sottolineava che ancora "mi fa strano vedere il mio nome sulla prima poltrona", la neo presidente si è lasciata andare alle lacrime. Applausi da parte dei presenti nella sala, tra cui la madre Gianna, che è seduta in prima fila.

IL CASO DI LATINA - Intanto continuano le polemiche sul fuorionda rubato da Striscia La Notizia (video), un imbarazzante dialogo fra il sindaco di Latina Zaccheo e la neopresidente della Regione Lazio: "Non appaltare più nulla a Fazzone, ha perso 15mila voti". Dice Zaccheo. E poi si mette a parlare della famiglia: "Non scordarti delle mie figlie".

LE DIMISSIONI - Sempre in mattinata ventidue consiglieri comunali di Latina, ex Forza Italia, Pd e gruppo Progetto per Latina hanno depositato in Comune le proprie dimissioni facendo ufficialmente cadere l'amministrazione di Zaccheo. I consiglieri stanno protocollando le dimissioni. L' ufficialità della decisione, dopo la minaccia della crisi degli ultimi giorni, è arrivata dopo il video di 'Striscia la notizia'. 

LA REPLICA DELLA POLVERINI - "Lei tranquillizzi i cittadini, io non raccomando nessuno". Lo ha detto la neo presidente della Regione Lazio Renata Polverini fermata da una troupe di Striscia la notizia. Durante lo scambio di battute tra i due Zaccheo le raccomandava le sue due figlie. "Sono due ragazze che studiano - ha spiegato Polverini - ed escludo che fosse una raccomandazione. Tante persone mi chiedono di poter rappresentare bene la componente femminile della politica, perchè tante ragazze mi osservano. Forse voleva dire questo. E poi lei - ha chiesto Polverini all'inviato di Striscia la notizia - avrebbe raccomandato una persona quella sera in mezzo a tutte quelle persone? Mi sembra abbastanza complicato». Quando poi l'inviato del Tg satirico le ha chiesto spiegazioni sulla frase detta da Zaccheo che chiedeva di "non appaltare più a Fazzone", Polverini ha risposto: "I giornali li leggo anche io, qualche problema a livello politico locale c'è del quale però io non mi interesso, anche perchè è una questione che riguarda un partito. È un problema loro". Al termine dell'incursione di Striscia la notizia, la Polverini ha poi incontrato fuori dalla scuola di Polizia il ministro degli Interni Roberto Maroni al quale ha ribadito: "Non mi ricordo quello che mi hanno detto quella sera, ero nel pallone perchè ero nel bel mezzo dei festeggiamenti".

[15-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "il video da Striscia"