Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Un anno dal terremoto in Abruzzo

da Facebook ''una candela per l'Aquila''

Ad un anno esatto dal sisma che ha provocato 308 morti e 1600 feriti migliaia di persone in tutta Roma e in Italia accenderanno una candela per ricordare.

Tante le iniziative in memoria della tragedia, organizzate da Comune, Prefettura, forze dell'ordine, vigili del fuoco, Protezione civile, associazioni culturali, il Comitato vittime casa dello studente e gli altri enti nati dopo il sisma. Alle 20,30 Consiglio comunale in piazza, poi fiaccolate, concerti e, alle 3,32, la "chiamata" di tutti i nomi delle persone che hanno perso la vita sotto le macerie.

Quella notte, tra il 5 e il 6 aprile, decine e decine di scosse di assestamento anticiparono quella devastante delle 3,32 di magnitudo 6,3. Il centro dell'Aquila fu letteralmente raso al suolo, la scossa fu avvertita in tutte le provincie del Lazio, perfino a Roma migliaia di cittadini furono svegliati dalla scossa. Dal Lazio partirono i soccorsi della Protezione civile e centinaia di uomini dei Vigili del Fuoco.

UNA CANDELA PER RICORDARE - Su Facebook grande successo dell'iniziativa in ricordo delle vittime: gli iscritti al gruppo "Una candela per l'Aquila" sono quasi 28.000. A tutti gli italiani è stato rivolto l'invito ad accendere una candela, un lume, a lasciare accesa la luce di una stanza della propria abitazione, la sera e la notte tra il 5 e il 6 aprile, in ricordo di chi ha perso la vita e come segno di ringraziamento a tutti coloro che si sono adoperati per soccorrere e sostenere i bisogni dei terremotati.

 
 

[05-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Terremoto in Abruzzo, primi soccorsi"
 
 
  CORRELATE