Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Dragon Trainer

di Dean DeBlois e Chris Sanders

di Svevo Moltrasio

Vichinghi e draghi si scontrano senza esclusione di colpi da decenni. Il giovane Hic viene iniziato all'arte della guerra, ma la sua natura pacifista e timida lo porterà su di una strada imprevista. Stringerà casualmente amicizia proprio con un drago dando vita ad una nuova era..

Diretto dalla coppia di autori di LILO & STITCH, il nuovo film animato della DreamWorks sfrutta la sempre più dirompente moda del 3D. Uscito a ridosso di altre grandi produzioni assistite dalla nuova tecnologia, il film sta facendo segnare incassi discreti ma non del tutto soddisfacenti, soprattutto da noi.

La DreamWorks abbandona il citazionismo e la facile, e spesso dozzinale, ironia di opere come SHREK o KUNG FU PANDA, affidandosi alla tradizione di una storia piena di riferimenti classici. Dietro il romanzo di formazione del giovane protagonista si riconoscono passaggi sia della narrativa antica e moderna, che del cinema, senza la volgare dissacrazione marchio di fabbrica della casa di produzione. Ma come nelle migliori operazioni, l’impianto classico è perfettamente integrato da piccole e sorprendenti variazioni che rendono l’intreccio pienamente godibile.

Inoltre c’è una fantasia visiva, e una resa dell’immagine, finora mai raggiunte dalla DreamWorks. Ed è un peccato che pellicole che sfruttano il 3D solo per scopi commerciali – ALICE IN WONDERLAND – abbiano danneggiato sul mercato un’opera che è invece una meraviglia per gli occhi. Divertente, appassionante e commovente, il film tiene il ritmo fino allo straordinario scontro finale, chiuso con un coraggio – l’ultima sorpresa - da elogiare. Viste alcune analogie, narrative e visive, torna in mente AVATAR: il colosso strombazzato di Cameron sembra già un lontano ricordo.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[03-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE