Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Prorogata apertura straordinaria metro

un rifugio per i senza tetto

Sono i giorni più duri per i circa 4.000 senza tetto che ogni notte dormono nelle strade della nostra città, le rigide temperature di questi giorni ancora vicine allo zero hanno indotto l’assessore alle politiche sociali del comune di Roma Sveva Belviso a prorogare l’apertura straordinaria notturna delle metro fino alla mattina del 30 gennaio.

Per la linea a rimaranno aperte le stazioni Barberini, Flaminio, piazza Vittorio e san Giovanni, per la linea b quelle di Piramide, Tiburtina e ponte Mammolo. Tra Piramide e la stazione Ostiense, durante la notte sono centinaia i senza fissa dimora che trovano rifugio al caldo nei sottopassi della metropolitana.

Ad Ostiense una comunità di senza fissa dimora formata da russi e moldavi vive in piazzale 12 ottobre 1492, si riparano sotto i portici del terminal della stazione, preferiscono coprirsi e dormire qui piuttosto che nei sottopassi della metro.

"Noi preferiamo dormire qui, sotto i portici -racconta un clochard moldavo- lì nei sottopassi ci dormono gli afgani. Ci copriamo per bene, abbiamo le coperte, certo questo è un periodo particolarmente freddo".

La scelta del Campidoglio di aprire di notte i sottopassi della metro ai senza tetto è considerata da molti viaggiatori della metro solo un palliativo che non risolve il problema dell’accoglienza. Per altri questa proroga è stata invece una scelta necessaria.

 
 

[27-01-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE