Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La prima cosa bella

di Paolo Virzý. Con Valerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti

di Rosario Sparti 

Cosa vuol dire avere una mamma bellissima, vitale, frivola, imbarazzante? E' il cruccio che ha accompagnato tutta la vita di Bruno, primogenito di Anna, fin da quando aveva otto anni. Tutto comincia nell'estate del 1971, quando assistendo alla tradizionale elezione delle Miss dello stabilimento balneare più popolare di Livorno, Anna viene inaspettatamente chiamata sul palco ed incoronata “la mamma più bella”. Da allora, nella famiglia Michelucci, arriva lo scompiglio e per Anna, per Bruno e per la sorella Valeria, inizia un'avventura che si concluderà solo ai giorni nostri.

Una donna così bella che si dovrebbe vergognare, una figlia intrappolata nelle beghe quotidiane, un figlio in fuga da se stesso, sono questi i personaggi costretti a subire le gioie e dolori d’una provincia che non li lascia andare via senza ferite, succubi d’una Livorno vera protagonista di questo struggente amarcord del regista.

Virzì, ormai erede conclamato della migliore commedia all’italiana, dopo aver analizzato in TUTTA LA VITA DAVANTI i disastri dei nostri giorni, decide di guardarsi indietro ritornando alla sua provincia livornese. In questo ritratto femminile, per cui è impossibile non fare riferimento a IO LA CONOSCEVO BENE di Pietrangeli, che è al tempo stesso una strana riflessione sull’elaborazione del lutto, vanno mano nella mano allegria e malinconia fino a sfociare in una commozione che a più riprese attanaglia lo spettatore.

Grande merito va data all’ottima interpretazione in tono minore di Mastandrea, il peso cinematografico portato da una Sandrelli nuovamente protagonista e la caratura d’un intero cast perfetto fin nei ruoli minori. Allo stesso tempo la fotografia di Nicola Pecorini,  così come i costumi della Pescucci, sono elementi adatti ad una ricostruzione d’ambiente d’ottimo livello, che si completa con la precisione chirurgica con cui il regista traccia sin nei dettagli le psicologie dei personaggi di questa sua opera che è la migliore dai tempi di OVOSODO.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[20-01-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE