Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

A rischio concerto del 1 maggio

mancano fondi per circa 900 mila euro

Il Concerto del primo maggio di quest'anno che vede la partecipazione straordinaria di Vasco è a rischio. Mancano i fondi. Per la prima volta il concertone promosso dai sindacati Cgil, Cisl e Uil è minacciato da problemi di bilancio. Mancano all'appello 800 - 900 mila euro. Di solito il concerto costa circa un milione e mezzo di euro ma quest'anno ne servono ben 2.

L'evento si è sempre autofinanziato per circa il 50% con i diritti di trasmissione Rai e per l'altra metà con i finanziamenti degli sponsor. Quest'anno la Rai ha annunciato un taglio del 10% del budget, mentre gli sponsor storici non hanno confermato la loro partecipazione.

Fausto De Simone, che per la Cisl segue la questione, spiega che è stato chiesto un incontro alla Rai: "Spero che la Rai confermi il suo contributo, senza tagli". Quanto agli sponsor, "ci appelliamo alla sensibilità delle aziende: col primo maggio lanceremo, attraverso un numero telefonico unico per gli sms, una raccolta di fondi per i figli dei morti sul lavoro". Anche Godano si appella alle aziende: "Ci rivolgeremo anche a quelle piccole. A questo punto accettiamo qualsiasi contributo, anche piccolo, piccolissimo". Ma il tempo stringe: "O troviamo i soldi in un paio di settimane o dovremo prendere una decisione con i sindacati». Siamo, insomma, alla colletta. Di certo, sottolinea De Simone, Cgil, Cisl e Uil non tireranno fuori un euro: il concertone si è sempre autofinanziato e, se vuole sopravvivere, dovrà continuare a farlo.

[02-04-2009]

 
Lascia il tuo commento