Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Arresti per la violenza della Caffarella

tra una settimana esito Dna stupro di luglio

Ci vorranno 7 sette giorni per sapere se Gavrila Oltean, il 27enne romeno arrestato per lo stupro della Caffarella e detenuto nel carcere di Trieste, e’ l’autore anche di un’altra violenza sessuale, compiuta il 18 luglio scorso al Casilino.

Tra una settimana infatti si avrà l’esito della prova di un altro esame del dna che dirà se era lui l’uomo che intorno alle 23 aggredì una ragazza maggiorenne che stava attraversando il parco di villa de Sanctis al Casilino per tornare a casa. Di quella violenza non se ne seppe nulla ma oggi gli inquirenti potrebbero aver risolto un secondo caso.

L’altro arrestato per lo stupro di san Valentino Alexandru Ionut, 18 anni, venerdì scorso, dopo il fermo, ha detto che il suo connazionale gli aveva rivelato di aver compiuto un altro stupro, proprio nel parco tra la Casilina e la Prenestina, frequentato di giorno da molte persone, ma che la notte diventa un luogo buio e poco controllato. Gavrila, secondo l’ipotesi accusatoria, quella sera avrebbe aggredito la donna, l’avrebbe rapinata del cellulare e poi l’avrebbe violentata. La vittima allora riuscì soltanto a testimoniare che a violentarala era stato un uomo dall’accento dell’est europeo.

Il caso Caffarella invece per  gli investigatori della squadra mobile e gli inquirenti della procura di Roma è definitavemente chiuso. Oltean e ionut colpivano nei parchi del quartiere appio di roma, al tramonto, scegliendo coppiette e rubando cellulari e scarpe. Poi il 14 febbraio il salto criminale, la rapina e poi l'efferata aggressione e violenza. Oggi 'interrogatorio di garanzia davanti al gip.

Karol Ractz e Alexander Loyos invece, innocenti, dovrebbero essere scarcerati tra oggi e domani dopo il parere favorevole del tribunale del riesame. Il primo resta in carcere perche’ presunto colpevoe dello stupro di primavalle, ma anche in questo il caso il dna lo ha scagionato.

Loyos invece è rimasto detenuto per calunnia ed autocalunnia. Resta da chiarire anche la sua confessione dettagliata, poi ricusata. Gli avvocati difensori hanno sempre parlato di una confessione estorta dalla polizia romena.

 
 

[23-03-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE