Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Archeologia e beni storici

nominato Bertolaso commissario delegato

 Da oggi Guido Bertolaso, già capo del dipartimento della protezione civile, è "commissario delegato" per la realizzazione di "interventi urgenti necessari per il superamento della situazione di grave pericolo in atto nelle aree archeologiche di Roma e di Ostia". A nominarlo è un'ordinanza firmata dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per salvaguardare le opere storiche della nostra città, a partire dal Colosseo.

 Il commissario dovrà predisporre "un apposito piano di interventi" che prevede "misure dirette alla messa in sicurezza e salvaguardia delle aree archeologiche"; "opere di manutenzione straordinaria"; iniziative necessarie "per il superamento del contesto emergenziale" specie per la "'sicurezza dei siti, del personale impiegato e dei visitatori e al ripristino ambientale''. Bertolaso avrà a disposizione 40 milioni di euro.

 "Il primo passo da compiere è la messa in sicurezza del Palatino  Siccome la soprintendenza archeologica ci ha potuto fornire uno vasto studio sulla situazione del colle, e' da questo che dobbiamo partire. A seguire tutto il resto. Come rappresentante della Protezione Civile da qualche tempo mi occupo di garantire la sicurezza ma anche tutela di beni culturali. Dai tempi dei terremoti nelle Marche e Umbria tutti gli interventi di ricostruzione e di restauro sono stati compiuti grazie alla Protezione civile. Ecco perché mi sono occupato della ricostruzione della Cattedrale di Noto, ecco perché mi occupo del G8, per far fare bella figura al'Italia. E quando il ministro Bondi, il sottosegretario Giro e il sindaco Alemanno mi hanno chiesto una mano, non mi sono tirato indietro. E' un,incarico a titolo gratuito perché mi basta lo stipendio da funzionario dello stato".

 Riguardo alle recenti critiche rivolte all'amministrazione Alemanno sulle condizioni critiche del Colosseo per mancanza di fondi il sindaco ha risposto "Lo stato attuale in cui versano il Colosseo e l'area dei Fori Imperiali da un lato "è un'offesa alla cultura e al patrimonio dell'umanità", dall'altro è il motivo per cui "il mondo addita di scarsa capacità amministrativa e di governo della repubblica italiana". Per questo è necessario che a Roma si compiano "un salto di livello" e "una svolta" nella gestione delle aree archeologiche.

 
 

[17-03-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE