Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

L'Espresso attacca ''182 assunzioni in meno di un anno''

il sindaco replica e promette querela

L’Espresso mette a nudo le assunzioni della giunta Alemanno, un attacco diretto all’amministrazione di destra che a poco meno di un anno dall’elezione avrebbe assunto la bellezza di 182 collaboratori esterni. Secondo il settimanale si tratterebbe di un vero e proprio esercito di assunzioni che costerebbe alle casse pubbliche ben 18 milioni e mezzo di euro.

Tra segreterie, uffici stampa, assessorati e distacchi il settimanale conta quasi un’assunzione al giorno: al primo posto come numero di “poltrone” c’è la categoria di geometri ed architetti, ben 33 sarebbero stati nominati dal Campidoglio. 28 invece i dirigenti e 24 gli addetti stampa a libro paga.

L’Espresso non è tenero neanche con i collaboratori più stretti di Alemanno e pubblica i redditi lordi dei 20 uomini “d’oro” del Sindaco, dal portavoce Turbolente al generale Mario Mori, dal capo di gabinetto Gallo al sovrintendente Broccoli: nella tabella riportata dal settimanale non c’è nessuno che scende sotto i 272.000 euro lordi annui.

Non si è fatta attendere la replica del Campidoglio, con un comunicato stampa diffuso appena saputo del servizio dell’Espresso Alemanno ha annunciato querele: “vista la gravità delle affermazioni e l’infondatezza delle notizie diffuse –replica il Campidoglio- il sindaco Gianni Alemanno ha dato incarico all’avvocatura di attivare tutte le azioni giudiziarie per tutelare l’immagine del Comune di Roma.

GLI UOMINI D'ORO DI ALEMANN -TABELLA DALL'ESPRESSO-

[13-03-2009]

 
Lascia il tuo commento