Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Reader

di Stephen Daldry. Con Kate Winslet, Ralph Fiennes

di Svevo Moltrasio

Un giovanotto tedesco s’innamora di una donna matura nella Berlino dei primi anni dopo la seconda guerra mondiale. I due intraprenderanno una relazione per un’estate, ma i loro destini s’incroceranno nuovamente negli anni e lui scoprirà un terribile passato della donna.

Il nuovo film del regista inglese Stephen Daldry arriva a sei anni dall’osannato THE HOURS ed è tratto da un romanzo del tedesco Bernhard Schlink. Come avvenuto con la protagonista del film precedente – Nicole Kidman – anche per questa volta gli Oscar hanno premiato l’interprete della pellicola, l’inglese Kate Winslet, confermando l’occhio di riguardo che l’Academy riserva a Daldry che ha già ottenuto tre nominations come regista, tante quante i film che ha girato.

La storia si svolge su un lungo arco narrativo che parte dalla Berlino degli anni ’50 e arriva fino alla fine del secolo, con continui salti temporali cui ci ha abituato il regista. Daldry ha uno stile ormai chiaro quanto lineare, attento com’è a non forzare la mano evitando sbavature di ogni tipo. Sembra non rischiare mai, adottando una leggerezza di racconto che abbraccia diversi clichè pur mettendo in scena relazioni umane forti e spesso estreme. Questa ambivalenza in THE READER si dimostra un valore aggiunto e così un melodramma a forte rischio di torpore si trasforma in una non banale riflessione sulle influenze della storia sugli individui.

Non tutto funziona, come le discussioni morali all’università che sembrano un po’ posticce, e il regista stecca qualche scena – la registrazione audio dei libri sui nastri per la prigioniera – ma il clima malinconico che segue tutta la vicenda e che con il passare degli anni si fa sempre più cupo e grigio, finisce per impreziosire la pellicola. A tal proposito – per una volta - è appropriato l’abbondante uso del makeup invecchiante, qui adottato per la Winslet, in un’interpretazione asciutta e perfetta, che vede il proprio corpo disfarsi a mano a mano.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[28-02-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE