Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Stupro di Capodanno

confessa un ragazzo di 22 anni

Aveva una felpa bianca, una canottiera nera e degli evidenti tatuaggi, per la polizia era l’unico vero indiziato per la violenza sessuale di Capodanno. I ricordi della vittima si erani fatti sempre più chiari, e il ragazzo di 22 anni di Fiumicino corrispondeva perfettamente alla descrizione.

Oggi, dopo l’ennesimo interrogatorio, il 22 enne ha confessato di aver abusato della giovane di 23 anni, la violenza si era consumata in un bagno chimico durante la Festa di Capodanno “Amore ‘09”.

"Il ragazzo dopo una serie di interrogatori -spiega il Capo della Squadra Mobile Vittorio Rizzi- e anche grazie alla graduale ricostruzione della ragazza, oggi ha confessato pienamento di aver commesso la violenza".

Il ragazzo fermato è descritto dalla polizia come figlio di una famiglia perbene, il capo della squadra mobile Rizzi ha spiegato che ad averlo fatto cedere sono stati i sensi di colpa.

L'aggressore la sera dello stupro era ubriaco e sotto effetto di stupefacenti: aveva conosciuto la vittima proprio alla festa di Capodanno e aveva ballato con lei, poi i due si sono appartati nei bagni del locale dove la ragazza ha subito la violenza. L'arrestato era già stato fermato la sera dello stupro uscendo dal locale durante una serie di controlli delle forze dell'ordine, e tre giorni fa nel corso di un interrogatorio aveva mostrato i primi segni di cedimento. Domani si terrà l'udienza di convalida dell'arresto davanti al Giudice delle indagini preliminari.

 
 

[23-01-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE