Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Incidente a Civitavecchia

morti quattro giovani, tornavano da discoteca

Quattro giovani sono morti in un incidente stradale a Civitavecchia. Un altro è ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale della cittadina.

A bordo della Nissan incidentata viaggiavano Daniele Mercuri e il cugino Indro, entrambi di 16 anni, Giovanni Siena e Gianmarco Coccioloni di 21 e 20 anni. Tornavano da una serata passata in discoteca.

Alla guida dell'auto si trovava il proprietario, Juri Capparella, 19 anni di Tarquinia, unico sopravvissuto e anche l'unico che indossava la cintura di sicurezza.

L'autovettura sulla quale viaggiavano in direzione di Civitavecchia, una Nissan Micra, 1200 di cilindrata, è stata notata da alcuni operai che attorno alle 7,30 di stamani stavano recandosi al lavoro nella vicina zona industriale e hanno dato subito l'allarme.

Appena si è diffusa la notizia del grave incidente, verso le otto del mattino, tantissimi genitori si sono recati all'ospedale San Paolo preoccupati per i figli che nella prima mattinata si trovavano fuori casa. Circa 300 persone tra padri, madri e parenti si sono presentate all'obitorio, tutti con le foto in mano di figli o nipoti che intorno all'ora dell'incidente stradale non erano ancora rientrati in casa. Tra le 300 persone che si sono recate in ospedale per il riconoscimento delle salme c'erano anche genitori e parenti delle quattro giovani vittime, tutte di Civitavecchia. Per questo l'amministrazione comunale sta valutando la possibilità di proclamare il lutto cittadino.

La polstrada ritiene molto probabilmente che l'incidente sia avvenuto almeno un'ora prima delle 7.30, quando la carcassa dell'auto è stata notata da un operaio. La polizia stradale ha chiesto, come da prassi, all'ospedale di Civitavecchia di effettuare le analisi per misurare l'eventuale eccessivo tasso alcolico o l'assunzione di sostanze stupefacenti. 

Dalle condizioni dell'autovettura, una scatola di latta schiacciata capovolta sul terreno, è stata probabilmente l'alta velocità a far sfondare il parapetto del viadotto che non è riuscito a fermare la corsa dell'auto.

Saranno i rilievi della polizia stradale a ricostruire l'esatta dinamica dell' incidente mentre per l'ora dell'impatto si dovrà attendere il referto del medico legale.

Sarebbe colpa dell'asfalto reso liscio dalla ghiacciata della notte o un colpo di sonno la causa della tragedia.

da SKY TG 24

 

 
 

[28-12-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE