Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Rogo in una baracca

muoiono madre e figlio

Una donna di 32 anni e il figlio di tre, di origine rumena, sono morti nell'incendio divampato, intorno alle 8,15, nella loro baracca nella pineta di Castelfusano, sul litorale di Ostia.

I due erano arrivati a Roma solo domenica per trascorrere il Natale in compagnia del padre che svolge lavori saltuari nella Capitale. L'uomo non si trovava nella baracca al momento dell'incendio ma era uscito all'alba per andare a lavorare.

A lanciare l'allarme sono stati altri stranieri che vivono nelle baracche tirate su nella fitta vegetazione. Anche i vigili del fuoco, che per le operazioni di spegnimento hanno usato sabbia e pale, hanno avuto difficoltà per raggiungerla. Secondo primi rilievi dei pompieri e dei carabinieri della compagnia di Ostia, le fiamme sono divampate quando la donna ha cercato di accendere un fuoco per scaldare la baracca utilizzando dello spirito.

L'uomo, ascoltato dai carabinieri del gruppo di Ostia, ha raccontato che la moglie era arrivata a Roma domenica scorsa dalla Romania, dove viveva con il figlio. La donna era nella capitale per trascorrere le feste di Natale col marito, in Italia da diverso tempo e che vive facendo lavori saltuari.

A lanciare l'allarme per l'incendio divampato nella baracca sono stati alcuni abitanti dell'accampamento di Castelfusano, che sono poi fuggiti per timore di essere mandati via dall'Italia.

La scena dove si è consumata la disgrazia racconta la povertà e il degrado in cui vivevano gli immigrati. Un tavolo e una sedia sotto un albero annerito e piegato. Poche pentole, una brandina. Intorno, qualche bicchiere di plastica e sassi per delimitare qualcosa che non c'è più.

I soccorsi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che per raggiungere la baracca, completamente immersa nella fitta vegetazione a circa 700 metri dalla via Litoranea, hanno dovuto abbandonare i propri mezzi sulla strada e proseguire a piedi. L'incendio è stato domato con la sabbia.

Fuori, sulla Litoranea che porta a Ostia, si sono radunati in tarda mattinata i carabinieri, i vigili del fuoco e i vigili urbani, ma anche un gruppo di romeni. Tra loro Mircea, 60 anni, uno degli abitanti della baraccopoli che ha dato l'allarme. Ha gli occhi lucidi, vive nella baracca accanto a quella bruciata. Più in là altri rifugi di legno che ospitano altrettante famiglie. Mircea ha chiamato i vigili del fuoco per dare l'allarme e non si dà pace perché, dice, non ha potuto far niente per salvare la mamma e il suo piccolo.

[26-12-2008]

 
Lascia il tuo commento