Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Euro 2008
 
» Prima Pagina » Euro 2008
 
 

Italia, lo scatto d'orgoglio

Azzurri ai quarti: stesa la Francia

De Rossi

di Simone Luciani

 

L’impresa è fatta. Ci credevamo poco un po’ tutti, per quanto mostrato dagli azzurri nelle prime due partite, e invece ecco il colpo di coda contro la Francia. In contemporanea, c’è da dirlo, a un’Olanda bis, quasi senza titolari, che strapazza la Romania.

 

Donadoni conferma la difesa schierata contro i romeni, mentre a centrocampo Gattuso va a fare compagnia a De Rossi e Pirlo, Perrotta va dietro le punte e Cassano è il compagno di Toni. Si parte con una Francia che fa possesso di palla, ma con un’Italia che va decisamente più vicina al gol. Al 4’ svarione di Abidal che libera Toni a tu per tu con Coupet, ma il centravanti mette fuori. E’ il primo di una lunga serie di errori. Al 9’ la Francia perde Ribery per infortunio, al suo posto Nasri. Due minuti dopo, solito colpo di testa di Panucci sul solito calcio d’angolo, e Makelele salva sulla linea. La svolta arriva al 24’: Pirlo lancia Toni ancora a tu per tu con Coupet, e Abidal stende il centravanti da dietro. E’ rigore e c’è l’espulsione. La trasformazione è di Pirlo. Domenech corre ai ripari togliendo il neo entrato Nasri e inserendo Boumsong. A questo punto, gli azzurri prendono in mano il pallino del gioco. Al 28’ bellissima girata di Toni da centro area, con palla che sfiora il palo di un niente. Poi ancora l’attaccate fallisce due occasioni non impossibili. Al 34’, la prima e unica occasione del primo tempo per la Francia: Henry arriva al tiro da posizione defilata, e il suo diagonale esce non di molto. Al 44’, grandissima azione di De Rossi che conquista una punizione dal limite. Splendida esecuzione di Grosso, con Coupet che devia sul palo. Sulla ribattuta, Perrotta steso in area: resta il dubbio del rigore.

 

 

Nel secondo tempo, la trama della gara cambia, con un’Italia piuttosto timida e una Francia che ci prova, senza tuttavia rendersi particolarmente pericolosa. A scaldare il pubblico azzurro è soprattutto il gol dell’Olanda contro la Romania. Al 10’, Ambrosini subentra a Pirlo (che, come Gattuso, sarà squalificato contro la Spagna). In campo, intanto, la fortuna ci sorride: al 17’ punizione dai 25 metri per il destro di De Rossi, deviazione di Henry in barriera e palla in rete. A questo punto, la qualificazione si avvicina, e molto. Donadoni manda in campo Camoranesi per Perrotta (giusto qualche inserimento, ma niente di più). Domenech, invece, si gioca l’ultima carta con Anelka per Govou, ma il cambio non sortisce particolari effetti (anzi…). Alla mezz’ora, straordinaria parata di Buffon su un gran tiro dal limite di Benzema (il migliore dei suoi). C’è uno spezzone di gara anche per Alberto Aquilani, che prende il posto di Gattuso. Nel finale, il raddoppio dell’Olanda che suggella il passaggio del turno dell’Italia, e Toni che va ancora una volta vicino al gol, stavolta colpendo la traversa con un gran tiro.

 

 

E’ stata una bella prova d’orgoglio degli azzurri, pur con delle ombre. Come il passaggio a vuoto all’inizio del secondo tempo, pur con l’uomo in più. E, in effetti, in vista della sfida di domenica contro la Spagna i problemi non mancheranno: Pirlo e Gattuso squalificati, una Spagna che domani, presumibilmente, metterà la seconda squadra e quindi farà riposare i titolari, un attacco che non segna (con Toni impacciato e Donadoni che ieri gli ha provato accanto anche Cassano, che non ha impressionato, al pari di Del Piero e Di Natale), e una squadra che continua a dare una sensazione di fragilità. Di buono ci sarà di certo lo slancio psicologico di questa vittoria importante. Speriamo basti.

Francia: Coupet; Clerc, Gallas, Abidal, Evra, Govou (Anelka dal 21' st), Toulalan, Makelele, Ribery (Nasri dal 10' p.t., Boumsong dal 26' p.t.), Benzema, Henry. (Mandanda, Frey, Malouda, Vieira, Thuram, Squillaci, Sagnol, Diarra, Gomis). All.: Domenech. Italia: Buffon; Zambrotta, Panucci, Chiellini, Grosso, Gattuso (Aquilani dal 37' s.t.), De Rossi, Pirlo (Ambrosini dal 10' st), Cassano, Perrotta (Camoranesi dal 19' s.t.), Toni. (Amelia, De Sanctis, Gamberini, Barzagli, Materazzi, Quagliarella, Del Piero, Di Natale, Borriello). All.: Donadoni.

Arbitro: Lubos Michel (Slovacchia).

 

Marcatori: 25’ pt Pirlo (rig.), 17’ st De Rossi.

 

Note: spettatori 30.000 circa. Terreno scivoloso. Ammoniti Evra, Pirlo, Chiellini, Govou, Gattuso, Boumsong, Henry per gioco scorretto; espulso al 24’ st Abidal per fallo da ultimo uomo.

 

[17-06-2008]

 
Lascia il tuo commento