Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Inchiesta incidente su via Nomentana

il Tribunale del riesame deciderà sulla contestazione di omicidio volontario

Era il 22 maggio quando Stefano Lucidi, 35enne, ha investito in pieno Alessio Giuliani e la sua ragazza, all’incrocio tra via Nomentana e viale Regina Margherita. I due giovani sono morti, lei sul colpo, lui pochi istanti dopo l’arrivo all’Umberto I; ed ora il Tribunale del Riesame di Roma si è riservato di decidere sulla contestazione del reato di omicidio volontario, per quell’uomo che a bordo della sua mercedes 220, con la patente di guida ritirata, quella sera, viaggiava in pieno centro abitato sfiorando i 100 all’ora.

Attualmente Lucidi è in carcere con l’accusa di omicidio colposo “con previsione dell’evento”. Il tribunale del riesame, ha ascoltato le richieste sia dell’accusa, che della difesa di Lucidi, la quale si è opposta all’iniziativa della procura, spiegando che la richiesta di modifica del reato è inammissibile per “difetto d’interesse” da parte dell’ufficio del pm.

Secondo il pubblico ministero, Carlo Lasperanza, Lucidi, mentre investiva i due giovani che viaggiavano sullo scooter, non poteva non essersi prefigurato, in quella particolare dinamica, il controllo dell’auto e la “conseguente inevitabilità” dell’uccisione.

E ancora, sempre secondo Lasperanza, la “previsione dell’evento non può ritenersi incerta”, ma concretamente possibile, se si tiene conto del fatto che la vettura su cui viaggiava, andava ad una velocità superiore rispetto ai limiti ammessi in un centro urbano soprattutto in prossimità di un incrocio, come quello tra viale Regina Margherita e via Nomentana. Non solo sempre secondo il pm, Lucidi non poteva non essere consapevole che altri potevano attraversare lo stesso incrocio “con semaforo verde, quindi in assenza di prevedibilità da parte di questi della sua criminosa condotta”.

Anche per questo, il pubblico ministero ha chiesto la revoca dell’ordinanza del gip che aveva stabilito la carcerazione del Lucidi per “omicidio colposo con l’aggravante della previsione dell’evento”.

 
TAG: lucidi
 

[16-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE