Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

La protesta degli archeologi

''siamo sfruttati, pagati 4 euro all'ora''

Vogliono essere tutelati perché la loro professione non è riconosciuta, sono in centianaia i giovani archeologi che questa mattina hanno protestato in piazza Madonna di Loreto, a due passi da piazza Venezia. Vengono da tutta Italia, e spiegano che non hanno alcun tipo di tutela, sono precari e spesso sfruttati, pagati anche quattro euro all’ora.

"Proprio qui a Roma abbiamo delle situazioni assolutamente assurde, qui a Roma dove c'è molta offerta di lavoro, cioè molti laureati che cercano lavoro nei cantieri c'è uno sfruttamento esagereato -spiega il presidente dell'Associazione Nazionale Archeologi Tsao Cevoli-. Abbiamo calcolato addirittura un pagamento di quattro euro all'ora, cioè meno di quanto guadagna un lavavetri".

"Non abbiamo nessun tipo di tutela -spiega una giovane archeologa di Roma- questo ricade ovviamente sui nostri compensi economici e sulla continuità del lavoro. Lavoriamo con cooperative e i rapporti non sono semplici, questo si crea perché la professione non è riconosciuta, il 90% degli archeologi infatti è un collaboratore esterno, precario e senza un forma di contratto nazionale".

Vengono dalla Campania, dalla Toscana e anche dalla Sardegna, arrivati sino a Roma per far sentire la loro voce, sono esasperati di dover lavorare anni per la gavetta e poi di non esser mai assunti regolarmente. Tra di loro ci sono anche decine di giovani archeologi romani.

E’ la prima volta che questa categoira scende in piazza a protestare, nella loro prima manifestazione nazionale chiedono soprattutto il riconoscimento della professione. Un primo piccolo risultato già l’hanno ottenuto: una proposta di legge, firmata Pd, che sarà a breve presentata in parlamento che possa istituire l’albo degli archeologi anch per evitare che il patrimonio italiano si esponga al dilettantismo, alla speculazione e all’abusivismo.

 
 

[14-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE