Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Indagini sul raid al Pigneto

spunta un video

Un cinquantenne conosciuto nel quartiere, che avrebbe organizzato la spedizione per vendicarsi del fatto che uno straniero gli aveva rubato il portafogli. Potrebbe essere questo il pretesto del raid del Pigneto. Nessuna svastica ma una matrice comunque razzista da parte di una banda che, col volto coperto da caschi e bandana e armata di spranghe, non ha esistato a devsastare un bar, un negozio di alimentari ed un call center gestiti da stranieri tra via macerata e via Ascoli Piceno, ferendo anche un bengalese. La Digos sta effettuando molti interrogatori a sogetti individuati grazie alle testimonianze e anche alle immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza di alcuni negozi. Ieri sera al Pigneto fiaccolata di solidarietà verso la folta comunità di bengalesi. Almeno mille le persone hanno sfilato per le vie del quartiere. Presenti molti politici del centrosinistra, tra cui il presidente della regione Piero Marrazzo.

Una volta che si sarà arrivati ai responsabili si potrà capire meglio se l’episodio possa inquadrarsi in un fenomeno di razzismo crescente. Ipotesi che ieri ha attirato al Pigneto decine di giornalisti stranieri. Ma intanto la gente del posto lamenta la scarsa presenza delle forze dell’ordine, in un quartiere storico ma che negli ultimi anni si è decisamente trasformato.
 
TAG: Pigneto
 

[27-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE