Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Iron Man

di Jon Favreu. Con Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Jeff Bridges

di Svevo Moltrasio

Il miliardario inventore Tony Stark, rapito da terroristi afgani, costruisce un’armatura per scappare dalla grotta in cui è imprigionato. Tornato a casa perfeziona la nuova invenzione e si trasforma nel supereroe Iron Man.

L’ennesima trasposizione cinematografica di un supereroe dei fumetti è affidata al regista americano Jon Favreu, anche attore di discreto successo che qui si ritaglia un piccolo ruolo nei panni di uno degli uomini alla corte del protagonista Tony Stark. Prima produzione della Marvel Studios, IRON MAN può contare, come abitudine per questi film, su un cast ricco di grandi nomi e, nonostante il fumetto non sia tra i più noti della famiglia, i primi risultati ai botteghini sono stati straordinari.

Se nelle edizioni cartacee il protagonista era fatto prigioniero in Vietnam prima di convertirsi e trasformarsi grazie alle sue conoscenze tecnologiche nel supereroe Iron Man, il film ne aggiorna il mito con l’inizio della vicenda ambientato nel turbolento Afghanistan. Essendo il primo episodio di una probabile serie, la pellicola si prende parecchio tempo per descrivere il percorso che porta alla nascita dell’eroe. E lo fa cercando di tenersi su un tono decisamente ironico e goliardico, con un protagonista eccentrico che cattura subito la simpatia dello spettatore, grazie anche al rapporto con gli altri personaggi - come quello romantico e goffo con la segretaria interpretata dalla Paltrow - o ai divertenti battibecchi con il robot aiutante.

In questa ottica la scelta del protagonista Robert Downey Jr. risulta particolarmente azzeccata, come anche la parsimonia con cui sono utilizzati gli ottimi effetti speciali. Piacevole e spesso spassoso, il film non riesce però ad essere davvero avvincente, sia per alcune scelte visive poco interessanti – i primissimi piani all’interno dell’armatura – che soprattutto per la mancanza del lato oscuro della vicenda e del rispettivo antieroe – nonostante la presenza di un grande attore come Jeff Bridges, il suo personaggio si scopre cattivo troppo tardi e con poche qualità -.

 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[06-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE