Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tacco a spillo
 
» Prima Pagina » Tacco a spillo
 
 

Il tacco a spillo in mostra a Vigevano

C. Louboutin - Very, Décolleté spuntata in vernice effetto tartaruga, 2007Chiunque si trovasse dalle parti di Pavia fino al 25 maggio non può non fare un salto a Vigevano e visitare una mostra unica nel suo genere: “Il tacco a spillo, fascino e seduzione”.
Si tratta di un’esposizione di oltre 100 modelli di calzature col tacco a spillo: dai primi esemplari storici tra cui quelli di Ferragamo e Dal Co’ ideati per le star degli anni ’50 e ’60 alle ultime creazioni di grandi firme come Manolo Blahnik e Jimmy Choo.

La mostra vuole raccontare la storia di un prodotto importantissimo per l’industria calzaturiera di Vigevano, il tacco a spillo.Ferragamo, Décolleté in coccodrillo realizzata per Marilyn Monroe nel 1958
L’esposizione è distribuita all’interno di una galleria lunga e buia, dove fasci di luce illuminano esclusivamente le scarpe. Lungo il percorso citazioni sul tacco a spillo, curiosità, approfondimenti e fotografie d’archivio raccontano la storia di un accessorio frivolo, ma immancabile nel guardaroba di una donna.

Tra gli scatti più famosi quelli di Sofia Loren, Brigitte Bardot, Maria Callas, fino alle immagini più attuali tra cui quella di Carl Lewis al blocco di partenza su fantastiche decolletè rosse nella pubblicità Pirelli.

Il manifesto della mostraLa storia del tacco a spillo risale al 1940 quando Christian Dior presentò l’innovativa collezione “New Look” con abiti sofisticati atti a mettere in risalto la femminilità. Proprio in quel momento R. Vivier e C. Jourdan a Parigi, Salvatore Ferragamo a Firenze, Alberto Dal Co’ a Roma e Luciano Volta a Vigevano intuirono che era giunto il momento di rivoluzionare l’immagine della scarpa ancora troppo legata alle linee massicce delle calzature femminili del dopoguerra.Tacchi a spillo in vernice nera

A Vigevano il tacco a spillo nasce da una gara tra imprenditori per la realizzazione del tacco più alto. Da quel momento nella città nascono circa mille aziende che daranno vita all’esportazione del Made in Italy all’estero.
Dai lontani anni ’40 ad oggi la storia delle scarpe è strettamente legata ai successi di stilisti del calibro di Prada, Manolo Blahnik, Christian Dior, Emilio Pucci, Balenciaga, Christian Lacroix, Christian Louboutin, Jimmy Choo, Giuseppe Zanotti e tantissimi altri ancora…

Alessandra Pietroforte

ale_pietroforte@libero.it 

[01-04-2008]

 
Lascia il tuo commento