Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Inchiesta omicidio Reggiani

sarà decisivo il rapporto del 118

il luogo dove è stata uccisa Giovanna Reggiani

Potrebbe essere decisivo il rapporto degli operatori del 118 che soccorsero la vittima per capire se ci fu o meno violenza sessuale.

Il pm Maria Bice Barborini ha fatto sapere oggi di attendere i verbali delle audizioni del personale dell'ambulanza che soccorse Giovanna Reggiani, la donna aggredita e uccisa a Tor di Quinto nella drammatica sera del 30 ottobre scorso.
Ieri il gip claudio mattioli aveva disposto per nicolae Romulus Mailat l'imputazione anche per il reato di violenza sessuale. Il romeno era già indagato per omicidio volontario e rapina e per queste accuse la procura ha chiesto nelle settimane scorse il giudizio immediato.

All'esito degli accertamenti medico legali fu escluso che la signora fosse stata vittima di violenza sessuale. Ma la donna fu trovata con i pantaloni tirati giù, senza slip e con la maglietta alzata.

Questi elementi giustificano la decisione del giudice, arrivata all'esito della discussione tra le parti in camera di consiglio. Intanto la procura ha inviato una rogatoria alle autorità di Bucarest per notificare a due romeni l’avvenuta iscrizione nel registro degli indagati per la ricettazione del cellulare della reggiani.

Le dichiarazioni dei due su una eventuale somma di denaro rubata alla vittima sono giunte a piazzale clodio ma non sono ritenute di particolare rilievo dagli inquirenti, visto che accertamenti bancari avrebbero smentito che quel giorno la reggiani avesse prelevato denaro dal bancomat.

 
 

[22-02-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE