Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Proietti sul caso Brancaccio

''che squallore''

Gigi Proietti

"La botta l'ho avuta, ed è stata bella pesante. Quello che più mi ha infastidito di più sono stati i modi volgari con cui hanno gestito la storia, una situazione tra le più squallide che mi siano mai accadute nella vita. Ma forse sarà che io passo per un volgarone romano, e hanno pensato che questi modi fossero in linea col mio personaggio. Chissà'".

Così Gigi Proietti ricorda a quattro mesi di distanza la sua "disavventura" estiva col Brancaccio, culla del teatro nazional-popolare: dopo sei anni di direzione artistica sull'onda dei successi, il "golpe all'amatriciana", come lo chiamò lo stesso Proietti, portò al potere Maurizio Costanzo. Gigi Proietti parla della "batosta" brancaccina, alla presentazione della versione aggiornata del suo one man show di culto, "Di nuovo Buonasera", con cui la scorsa stagione ha segnato un record di tutto esaurito proprio all'ingrato Brancaccio. Un omaggio divertito e nostalgico al varietà che ha fatto storia, con cui cavalcherà il palcoscenico monumentale del Gran Teatro di Tor di Quinto a Roma, dal 29 dicembre fino al 16 marzo.

E se gli si chiede se si informa sulla salute del Brancaccio sotto la nuova direzione di Costanzo, replica: "Francamente al Brancaccio non voglio più pensare, nenanche ci passo più, talmente è lontano da casa mia. E non mi interessa sapere neanche come stia andando. Adesso voglio fare le mie scelte personalmente, senza che nessuno venga a dirmi cosa fare o non fare. Quello che farò da oggi in poi, lo decido solo io. Perche', in passato, le mie iniziative manageriali hanno dato fastidio a qualcuno".

 
 

[22-12-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE