Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Il nascondiglio

di Pupi Avati. Con Laura Morante, Burt Young, Treat Williams

di Svevo Moltrasio 

Una donna appena dimessa da un ospedale psichiatrico vuole aprire un ristorante. In una cittadina statunitense trova a prezzi stracciati una grande villa un po’ malandata. Come nella più classica storia di terrore, tra quelle mura si nascondono storie e verità inquietanti.

Il nuovo lavoro dell’instancabile Pupi Avati, che segue il malinconico LA CENA PER FARLI CONOSCERE , segna un ritorno alle origini: con una troupe in larga parte americana, ambientando la vicenda nello Iowa, il regista torna all’horror gotico. Non tutti lo sanno ma proprio tra le pellicole più interessanti di Avati si ricorda quel LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO targato 1976, racconto sanguinoso e agghiacciante con più di un aspetto in comune con quest’ultimo lavoro.

Proprio considerando quella pellicola vecchia di ormai tre decenni, vedendo IL NASCONDIGLIO viene da pensare che il cinema di Avati non faccia grandi passi avanti. Come per tutte le storie minimaliste che ci racconta ogni anno, dove i temi, come anche i limiti cinematografici, non sembrano subire varianti, anche in questo genere meno frequentato il regista rielabora sempre lo stesso materiale. Non che il film non funzioni. Anzi IL NASCONDIGLIO si lascia seguire con curiosità fino alla fine, con una struttura che abbraccia anche il giallo, evitando colpi bassi ad effetto.

La messa in scena di Avati sembra più convincente rispetto agli ultimi lavori, e la regia padroneggia bene le scene di paura e la suspense, con più di un momento di vero terrore. Ma il perno su cui l’autore fa ruotare la vicenda è fin troppo abusato, con una comunità di personaggi ambigua ed ipocrita, e la sceneggiatura, dello stesso regista, comprende troppe forzature e passaggi superficiali. Se il punto di forza della pellicola è l’atmosfera, altrettanto non si può dire dell’intreccio narrativo, con colpi di scena prevedibili, né del tratteggio della protagonista, dove l’incertezza tra realtà e paranoia non riesce mai a diventare credibile.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - avati - morante
 

[04-12-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE