Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

La famiglia Sandri smentisce

''il questore ha mentito''

Smentisce tutto la famiglia Sandri e riformula la versione della polizia secondo cui nelle tasche di Gabriele sono stati trovati dei sassi, smentisce le parole del questore di Arezzo.

Niente sassi. ''Di sassi non ne sono stati trovati, ma solo microformazioni calcaree''. Michele Monaco, l'avvocato della famiglia Sandri e il fratello di 'Gabbo', Cristiano, nel corso di una conferenza stampa hanno smentito nettamente che nelle tasche del ragazzo ucciso in un autogrill nei pressi di Arezzo domenica scorsa, ci fossero vere e proprie pietre o ''sassi in termini offensivi''. L'avvocato inoltre ha sgombrato il campo da ogni dubbio, affermando che ''anche se fosse stato trovato qualcosa, dal momento in cui è stato sparato un colpo di pistola, non c'è più nulla''.

Ma la polizia conferma. La polemica, però, non sembra destinata a chiudersi. Ambienti investigativi di Arezzo, fanno infatti sapere che nei pantaloni di Gabriele sono stati ritrovati "due sassi e non delle microformazioni calcaree come dichiarato dal legale di famiglia". Uno "è delle dimensioni di 8X6 cm e 3 centimetri di spessore, e l'altra di 4X4cm e 3 centimetri di spessore, sassi atti ad offendere".

Il legale della famiglia Sandri ha poi attaccato il questore di Arezzo, Vincenzo Giacobbe: "Alle 18 di domenica scorsa, ancora parlava di due colpi di pistola sparati in aria. Sembrava che il ragazzo fosse stato ucciso da qualcun altro. Giacobbe ha mentito sapendo di mentire, e per giunta davanti alle telecamere, così come ha fatto il poliziotto che ha sparato. Molte e gravi bugie sono state dette su questa storia".

"Per la famiglia - ha continuato l'avvocato - quando ha sentito queste affermazioni, è come se Gabriele fosse stato ucciso una seconda volta". Secondo il legale già dalle 9,30 di mattina si sapeva con esattezza la traiettoria del colpo. Affermazione confermata anche da Luigi Conti, l'avvocato che nel corso della conferenza stampa ha detto di aver assistito al rilievo della polizia scientifica, la quale ha riscontrato che il colpo è stato sparato "in orizzontale e parallelo alla strada".

 
 

[16-11-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE