Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Immigrazione: romeni in aumento

i dati della rilevazione annuale dell'Istat

Gli immigrati romeni sono raddoppiati in tre anni. E' uno dei dati significativi che emergono dalla rilevazione annuale dell'Istat sulla presenza degli stranieri in Italia. I residenti al 1° gennaio 2007 hanno raggiunto i tre milioni (2.938.922), con un aumento del 10,1 per cento rispetto all'anno precedente. E poiché il saldo della popolazione di cittadinanza italiana è negativo (-6.912 unità nel 2006) l'aumento della popolazione straniera ha costituito l'anno scorso il 70,7 per cento della crescita della popolazione residente in Italia, che nel corso del 2006 è passata da 58.751.711 a 59.131.287 unità. In crescita soprattutto gli ucraini, oltre ai romeni.

L'incidenza sulla popolazione sale al 5%
L'incidenza percentuale degli stranieri sulla popolazione complessiva, che all'inizio dell'anno 2006 era del 4,5 per cento, raggiunge così alla fine dello stesso anno quota 5,0 per cento. Si tratta di valori che collocano l'Italia tra i paesi europei con una presenza straniera relativamente contenuta rispetto alla popolazione complessiva: in Germania nel 2006 i residenti di cittadinanza straniera erano l'8,8 per cento; in Spagna e nel Regno Unito rispettivamente il 6,2 per cento ed il 5,2 per cento del totale dei residenti. In Francia, già al Censimento del 1999, la quota degli stranieri era pari al 5,9 per cento della popolazione complessiva .

L'incremento del 2006 è leggermente inferiore a quello registrato nell'anno precedente, ma va ricordato che nel periodo 2002-2004 il forte aumento dei residenti stranieri era stato determinato in larga misura dall'ultimo provvedimento di regolarizzazione.

In aumento ucraini e romeni

Tra le cittadinanze straniere in aumento soprattutto gli ucraini, passati nell'arco degli ultimi tre anni da meno di 58.000 unità a 120 mila, e i romeni, passati da 178.000 a 342.000. Anche i cittadini dell'Asia orientale continuano a far registrare aumenti consistenti, in particolare i cinesi, cresciuti da 87 mila a 145 mila unità. Mentre sono ultimamente più modesti gli aumenti degli stranieri provenienti dai Paesi africani. Tra i cittadini provenienti dall'America centro-meridionale a crescere sono soprattutto degli ecuadoriani, passati dalle 34.000 unità del 2004 alle 69.000 del 2007.

fonte: la Repubblica

 
 

[01-11-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE