Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Si baciano al Colosseo, denunciati

protagonista una coppia omosessuale di 27 e 28 anni

Una coppia di omosessuali è stata sorpresa a scambiarsi un bacio nei pressi del Colosseo verso le 2 di notte. I due ragazzi, di 27 e 28 anni sono stati fermati dai carabinieri la notte tra il 26 e il 27 luglio. La coppia omosessuale stava camminando nel tratto di via San Giovanni in Laterano, da pochi giorni temporaneamente pedonalizzato in vista dell'inaugurazione della Gay Street.

"Stavano scendendo le scale che portano dalla Gay Street al Colosseo - ha raccontato Fabrizio Marrazzo, responasbile arcigay Roma- Appena i due ragazzi si sono baciati, hanno visto che la macchina dei carabinieri ha acceso i lampeggianti. I militari sono scesi dall'auto, si sono avvicinati e li hanno fermati. Roberto e Michele, coppia di fatto, sono stati portati alla vicina Caserma del Celio". "In caserma, ha proseguito Marrazzo, sono stati interrogati e gli è stato rilasciato un verbale dove risulta che sono stati denunciati al giudice per atti osceni in luogo pubblico"

I carabinieri: i militari fanno capire che non era solo un bacio sulla bocca e parlano di "sesso orale", reato "palese ed inequivocabile". In una nota diffusa dall'Arma spiegano: "Una pattuglia ha sorpreso L.R. di Roma e F.M. di Lecce nel compimento di un atto inequivocabilmente osceno. I due, che non si erano avveduti della presenza dei militari, una volta ricompostisi sono stati accompagnati in caserma per essere denunciati per atti osceni in luogo pubblico".

"Ci hanno trattati come appestati". Ma i ragazzi denunciati si difendono: "Ci ha illuminato il fascio di luce di una gazzella dei carabinieri", spiega Roberto. "Ci hanno chiesto i documenti. Trascorsi venti minuti, Michele, un po' spaventato, ha chiesto spiegazioni. Semplici accertamenti, ci hanno risposto. Intanto sono arrivate altre due auto dei carabinieri. Erano in sei. A quel punto ci hanno perquisito", spiega Roberto. "Ci hanno fatto svuotare le nostre tasche, cosa insolita considerando che non avevamo niente che fosse fuori posto: pantaloni allacciati, cintura a posto e maglietta indosso. In caserma ci hanno trattato come appestati e all'interrogatorio che è seguito ci hanno accusati di atti osceni in luogo pubblico".

[27-07-2007]

 
Lascia il tuo commento