Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio via Prati Fiscali, si indaga su movente passionale

fermate due persone, probabilmente a sparare stata una guardia giurata

Il movente passionale non convince del tutto i Carabinieri, è probabile che sullo sfondo dell’omicidio ci sia una lite per lo sfruttamento della prostituzione. Ci sarebbe comunque una donna contesa, una prostituta romena alla base dell’omicidio di Nicosur Prosu, 24enne, rom di nazionalità romena ucciso a colpi di pistola nel pomeriggio di giovedì in via dei Prati Fiscali. L’agguato è avvenuto in strada, all’altezza di via Val d’Ala e in pieno giorno, in mezzo a decine di passanti ed automobilisti.

Il romeno sta camminando nel sottopasso di via dei Prati Fiscali quando viene avvicinato da un’Opel Tigra blu: nella vettura c’è un italiano ed insieme a lui la donna contesa, anche lei romena. I due uomini iniziano a litigare. L’italiano, una guardia giurata, viene schiaffeggiato, reagisce con un pugno e quando Prosu si sta allontanando spara alle sue spalle, un colpo mortale alla schiena. Tra le gambe della vittima i Carabinieri trovano un bossolo inesploso, probabilmente la pistola semiautomatica dell’omicida, prima di uccidere, si è inceppata.

I militari predispongono subito decine di posti di blocco in tutta Roma Nord e nella Provincia: in tarda i Carabinieri di Montesacro e del Nucleo investigativo di via in Selci fermano a Tivoli due persone che corrispondono alla descrizione fatta da alcuni testimoni che hanno assistito all’agguato mortale, il 40esimo omicidio a Roma dal 1 gennaio 2011.

 
 

[16-11-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE