Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Ct italiani all'estero: il successo passa per Roma

tanti allenatori vincenti, un denominatore comune

Mancini, Di Matteo, Di Canio, Ancelotti, Spalletti e Bonetti. Tanti allenatori di successo, un denominatore comune: Roma. Se i club calcistici italiani nell’ultima stagione non hanno brillato in Europa, non si può dire lo stesso dei coach emigrati in altri paesi europei. Tutti accomunati dal fatto di aver vissuto nella Città eterna importanti, se non le più rilevanti, esperienze calcistiche da allenatori o da calciatori.

Roberto Mancini, 48 anni, ha giocato 3 stagioni nella Lazio, contribuendo in maniera significativa alla vittoria dello scudetto del 2000. Ha poi allenato per 2 stagioni i biancocelesti, prima di affermarsi come allenatore nell’Inter e oltremanica. Oggi il ct jesino ha conquistato la Premier League, un risultato che ai citizens mancava dal lontano 1968.  Dunque un traguardo storico, che si aggiunge alla Coppa d’Inghilterra vinta lo scorso anno.

A Roberto Di Matteo, 42 anni, più che un portone si è aperta la porta di servizio. Quella del Chelsea che, cacciato il tecnico portoghese Villas-Boas dopo tre quarti di stagione da dimenticare, lo ha promosso da vice a tecnico della squadra. Doveva essere un semplice tappabuchi ma, partita dopo partita, è riuscito a convincere la società londinese: i Blues sono risaliti in classifica in Premier League e hanno conquistato la finale di Champions League. A farne le spese, prima il Napoli e poi il Barcellona.

Paolo Di Canio, 44 anni, a Roma non ha bisogno di presentazioni: è cresciuto nelle giovanili della Lazio, con i biancocelesti ha giocato complessivamente 5 stagioni, ad inizio e a fine carriera, e ha concluso l’esperienza agonistica con la Cisco Roma in Serie C2. Nel bene o nel male ha sempre mostrato la sua grande indole di trascinatore, grazie alla quale ha guidato lo Swindon Town verso la promozione dalla League Two alla League One, la nostra Lega Pro.

Se si passa da una sponda all’altra del Tevere, l’elenco di trionfi italiani (e romani) nel Mondo si infoltisce sensibilmente. E’ sufficiente un nome, quello di Carlo Ancelotti: da centrocampista ha giocato 171 partite con la Roma, vincendo in otto anni uno scudetto e 4 Coppe Italia. Da quando ha lasciato il Milan per approdare al Chelsea, dopo aver vinto competizioni nazionali ed internazionali in veste di allenatore, è diventato il sogno proibito di tantissimi tifosi giallorossi. Non semplicemente per ragioni affettive, ma per il suo palmarès che lo ritrae come uno dei migliori ct al mondo. Ora che allena il Paris Saint-Germain è secondo a due giornate dalla fine del campionato francese.

Luciano Spalletti, 53 anni, nonostante la tiepida accoglienza dei tifosi, si è affermato proprio con la Roma: in quattro anni con i giallorossi ha ottenuto per tre volte il secondo posto in Campionato, ha vinto due Coppe Italia, una Supercoppa italiana ed ha centrato i quarti di finale in Champions. Ed in Russia con lo Zenit si è confermato anche quest’anno campione nazionale. Non ha ancora vinto nulla ma lotta per il campionato romeno Dario Bonetti, 51 anni. L’attuale allenatore della Dinamo Bucarest ha vinto 3 Coppe Italia con la Roma, con cui ha giocato per 6 stagioni. 

Un bilancio di tutto rispetto per la Capitale, segno che le esperienze romane dei ct all'estero hanno lasciato il segno.

Simone Chiaramonte

[13-05-2012]

 
Lascia il tuo commento