Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Strade imbiancate e traffico in tilt

la neve a Roma coglie tutti impreparati

Sono oltre 4mila le chiamate al 113 per la nevicata che ha imbiancato le strade della Capitale. Le richieste di intervento sono dovute soprattutto a problemi legati alla mobilità, alla caduta di alberi e alla formazione di ghiaccio. Traffico in tilt dunque e trasporto pubblico fortemente limitato. Ognuno cerca di spostarsi come può ma per tutti è un'odissea: a piedi stando attenti a non scivolare, in auto sfidando la neve con il rischio di slittare e il traffico congestionato in quasi tutta la città.

Ingorghi agli incroci, lunghe colonne di bus e alcune zone paralizzate dal manto nevoso che rende difficile gli spostamenti e anche la guida soprattutto per chi non è avvezzo a portare l'auto sotto la neve. La situazione più critica a Roma Nord: via Cassia, Pineta Sacchetti, Colli Farnesina, via Trionfale e Foro Italico. Pesanti disagi anche nelle zone centrali in particolare a Porta Maggiore, piazza Fiume e su tutto il Lungotevere. Traffico congestionato in via Aurelia Antica, in via Salaria, tra Ponte Salario e piazza Fiume e viale Tor di Quinto, difficoltà in via Trionfale, Via di Casal del Marmo, in via della Pineta Sacchetti, via di Torrevecchia, via di Boccea. Chiuse al traffico Largo Brindisi, la panoramica verso l'osservatorio astronomico e Ponte Salario. Code in piazza Adriana e Corso di Francia (Km 9,5) in entrambe le direzioni. In via Nomentana è stata aperta al traffico privato la corsia preferenziale da viale Regina Margherita in direzione Montesacro. Traffico rallentato con code per la presenza di alberi sulla carreggiata in via Cernaia tra piazza delle Finanze, in via Tiburtina tra piazzale del Verano e via di Portonaccio Infine veicoli di traverso in Piazza dei Giuochi Delfici.

La città dunque è stata colta impreparata, nonostante l'allerta dei meteorologi fosse stata diramata già da diversi giorni. Il sindaco Gianni Alemanno, che ha imposto la sospensione della didattica ma non la chiusura delle scuole, invita su Twitter alla calma: "Calma, massima prudenza per chi si trova per strada. Tutti i mezzi della Protezione civile sono fuori". Ma l'Adoc denuncia: "Il sindaco ha chiuso le scuole ma si è completamente disinteressato delle strade - sostiene il presidente Carlo Pileri - da questa mattina regna il caos in tutte le strade della Capitale, i cittadini sono stati abbandonati al loro destino, senza nessun aiuto. Ci hanno segnalato blocchi del traffico sulla Tangenziale di almeno 3 ore, i romani sono in estrema difficoltà. Dove sono gli spargisale?".

Intanto l'Assessorato capitolino alle Politiche sociali ha predisposto da questa notte, per quindici giorni, l'apertura di tre strutture di accoglienza dedicate ai nuclei familiari con bambini e anziani presenti negli insediamenti di fortuna, per un totale di trecento posti così suddivisi: 250 nell'ex fiera di Roma, 30 in via Tiburtina e 20 in via Visso.

[03-02-2012]

 
Lascia il tuo commento