Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Uomo gambizzato a Tor Bella Monaca

l'arma degli aggressori si inceppata, poteva essere l'ennesima vittima di un agguato

Solo per un caso fortuito l'agguato al Casilino non si è trasformato nell'ennesimo omicidio. Se la pistola del killer non si fosse inceppata, probabilmente sarebbe stata l'ennesima vittima di un agguato in strada a Roma in questo 2011 che conta ben 34 omicidi.

Giacchino Aiano, romano di 50 anni, nel pomeriggio di venerdì è stata raggiunto da due colpi di pistola in Largo Ferruccio Mengaroni, nel cuore di Tor Bella Monaca, periferia est della città, nota per le sue torri degradate ed il suo alto numero di persone agli arresti domiciliari. Poco prima delle 17 l'uomo è stato raggiunto da due uomini con il volto travisato dal casco a bordo di uno scooter che hanno tentato di sparare contro di lui più colpi ferendolo con due proiettili alle gambe, anche se l'arma si era inceppata per qualche attimo. Poi gli aggressori, che dagli investigatori non vengono ritenuti "professionisti" sono scappati. L'uomo sotoposto ad intervento chirurgico ha precedenti per droga, ricettazione, rapina, resistenza e oltraggio. Sulla vicenda indaga anche la squadra mobile di Roma.

POLEMICA SICUREZZA - Il 2011 record per numero di agguati, sparatorie ed omicidi sta scatenando polemiche sul versante della sicurezza in città tra la Giunta Alemanno ed l'opposizione. Nel primo pomeriggio Alemanno aveva sostenuto: "Dobbiamo difendere la capitale perchè se dovesse diventare oggetto di una presenza stabile della criminalità organizzata sarebbe un segnale intollerabile e quindi dobbiamo stare molto attenti. La crisi economica non ci aiuta -ha aggiunto il sindaco- perchè per molti giovani c'è l'alternativa di un guadagno facile ad un lavoro che non si trova. Sono convinto che alla fine la spunteremo e se qualcuno pensa di poter mettere le mani su Roma si deve disilludere perchè non lo permetteremo". Ma secondo il Pd "ormai a Roma è in corso una guerra tra bande". La scia di sangue nella Capitale è lunga. L'ultimo omicidio avvenuto il 12 dicembre è stata una vera e propria esecuzione: Marco Attini, romano di 38 anni con precedenti per rissa e minacce, è stato colpito al cuore mentre era in auto con la fidanzata da due uomini a bordo di uno scooter, a Tor Vergata.
 
 

[24-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE