Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Omicidio Dell'Unto, Stazzi condannato a 24 anni

Il 66enne infermiere Angelo Stazzi era accusato di aver ucciso la collega Maria Teresa Dell'Unto nel 2001. Si indaga su altre sette morti sospette

Ventiquattro anni di reclusione. E’ la condanna inflitta dalla III Corte d'Assise nei confronti di Angelo Stazzi, il 66enne infermiere accusato di aver ucciso la collega Maria Teresa Dell'Unto nel 2001. E’ stata accolta quindi in parte la richiesta del pm di Tivoli Gabriela Fazzi che al termine della requisitoria aveva chiesto una pena a trenta anni di carcere. La Corte, presieduta da Evelina Canale, ha anche disposto che l'imputato risarcisca il marito e i tre figli della Dell'Unto, stabilendo che sia il giudice civile a quantificare l'entità di tale risarcimento.

Stazzi, che nel giudizio è stato assistito dagli avvocati Cristiano Conte e Cristiano Pazienti, dovrà comunque versare una provvisionale immediatamente esecutiva pari a ventimila euro per ciascuna parte civile. Il collegio ha infine dichiarata prescritta l'accusa di occultamento di cadavere.

"Una sentenza giusta - ha commentato l'avvocato della famiglia Dell’Unto Massimo  Lauro - A nostro parere l'imputato non ha avuto le attenuanti generiche perché probabilmente la Corte ha valutato rilevante la circostanza che abbia depistato gli investigatori per nove anni".

Il delitto risale al 29 marzo 2001 e avvenne al termine di una lite tra i due per questioni economiche.
Stazzi finì in carcere nell'ottobre del 2009 e confessò le sue responsabilità. Sono ancora in corso invece le indagini che riguardano 7 presunti omicidi, 5 uomini e 2 donne, avvenuti attraverso la somministrazione di iniezioni letali, che Stazzi –noto alle cronache come l’angelo della morte- avrebbe eseguito tra il gennaio e l'ottobre del 2009 quando prestava servizio nella casa di riposo Villa Alex, di Sant'Angelo Romano. Secondo l'accusa avrebbe somministrato alle persone a lui affidate di età tra gli 86 e i 99 anni “sostanze medicinali” per accelerarne il decesso.
 
 

[22-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE