Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Uomo investito dopo una lite in via Millevoi

all'analisi le immagini di alcune telecamere che inquadravano la via

Sono passate da poco le 10 di lunedì quando in via Millevoi, in zona Ardeatina, davanti l’ingresso degli uffici di Equitalia transitano due auto: una Lancia Y bianca ed un’utilitaria (una Punto o una Tipo) di colore grigio. Entrambi i guidatori scendono dalle rispettive vetture, discutononimatamente, le loro grida sono avvertite intorno. Il proprietario dell’utilitaria sale nuovamente a bordo della sua auto con la quale investe violentemente l’altro protagonista della vicenda, ora ricoverato al Sant'Eugenio in gravi condizioni. La vittima non è in grado di parlare, ma non è in pericolo di vita. Chi lo ha investito è poi scappato a tutto da gas, senza prestare soccorso, fuggendo da via Andrea Millevoi e immettendosi su via Ardeatina con una manovra altrettanto azzardata. I Carabinieri stanno indagando sulla vicenda e sono sulle tracce dell'investitore.

Su movente e dinamica, gli interrogativi sono ancora parecchi: oltre agli uffici di Equitalia, intorno al luogo dell’incidente, che sia stato volontario o colposo è ancora da stabilire, c'è anche un’edicola ed un supermercato. Secondo una prima ricostruzione i due uomini avrebbero discusso per motivi di viabilità e ad iniziare la lite sarebbe stato colui che è stato poi investito, ma non si può escludere una verità diversa: i due uomini, entrambi sulla quarantina, probabilmente si conoscevano. La lite quindi non sarebbe casuale, forse la gelosia, forse un movente passionale, ma ad ora i carabanieri che coordinano le indagini preferiscono non sbilanciarsi verso alcuna ipotesi.

Nel frattempo sono stati ascoltati diversi testimoni: non  tutti hanno assistito ai fatti nello stesso momento. Sono stati acquisiti anche i filmati di alcune telecamere che inquadravano la via. Le immagini potrebbero chiarire meglio quanto accaduto.



 
 

[21-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE