Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Studenti tornano in piazza, protesta alla stazione Tiburtina

ragazzi si muovono in corteo verso la Sapienza

Hanno provato a sfilare per le strade del centro sfidando l'ordinanza anti cortei firmata dal sindaco Alemanno. Migliaia di ragazzi, studenti delle medie, i licei e dell'università si sono radunati questa mattina alle 9 a piazzale Tiburtino. I ragazzi hanno tentato di sfilare in corteo ma la polizia, come indicazioni dalla Questura, ha impedito in un primo momento che i giovani potessero lasciare la stazione, bloccando le strade con dei blindati.

I ragazzi in tarda mattinata hanno fatto una irruzione in un cantiere della nuova stazione aprendo una rete di metallo. Le forze dell'ordine sono intervenute provando a fermare gli studenti ed entrando a loro volta nel cantiere. Poco prima, gli agenti avevano cercato di bloccare gli studenti con una piccola carica perché si stavano muovendo in corteo dalla stazione.

CARICHE DELLA POLIZIA - In un primo momento, secondo quanto riferito dai responsabili della manifestazione studentesca, era stato autorizzato un corteo fino all'Università La Sapienza, e dunque lontano dal centro dove il Campidoglio ha proibito i cortei. Quando gruppi di studenti hanno preso una direzione diversa, cordoni delle forze dell'ordine hanno sbarrato il passo al corteo. Al tentativo di forzare il blocco è partita la carica.

BLOCCATO TRAFFICO TIBURTINA - Per la manifestazione, tutto il traffico intorno alla stazione Tiburtina è stato bloccato. La fermata Tiburtina della linea B della metro è stata chiusa e alcune linee di bus sono state deviate. La stazione metro ha riaperto intorno alle 15:00. Nel pomeriggio alcuni ragazzi si sono seduti in via Tiburtina bloccando il traffico all'altezza del Commissariato San Lorenzo.

UN PADRE - "Tra i manifestanti c'é anche mio figlio. Ho visto le immagini sui siti e sono venuto a vedere. Dicono che verranno identificati tutti, non capisco perché debba essere identificato. Io mi opporrò". A parlare è Giuseppe, il papà di uno studente 17enne di un liceo artistico. "Sono dalla parte di mio figlio, lo appoggio - aggiunge l'uomo - oggi ho assistito a una gestione della piazza ridicola. Centinaia di agenti ed elicotteri per alcune decine di studenti. Impediscono ai ragazzi di uscire dalla piazza: questo é sequestro di persona. Ma con quale credibilità si agisce cosí? Perché dovrebbero identificare ragazzini minorenni che non rappresentano nessuna minaccia quando nel Paese ci rappresentanti in odore di crimini ben piú gravi?".

STUDENTI VERSO LA SAPIENZA - Dopo aver lasciato piazzale Tiburtina gli studenti sono partiti in corteo verso l'universitá La Sapienza. Gli studenti stanno camminando su via Tiburtina bloccando il traffico su una carreggiata. Gli studenti hanno anche acceso fumogeni.
 
 

[03-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE