Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

A Roma reati in aumento

più scippi, rapine e furti

A Roma aumentano scippi, rapine, furti d’auto, furti in appartamento e pure i delitti: è il quadro dipinto dal Sole 24 Ore, che ha elaborato i dati forniti dall’associazione nazionale delle forze di polizia.

Se è vero che la provincia di Milano sta messa peggio – e si piazza sul gradino più alto nella classifica dei reati denunciati – nella provincia di Roma a preoccupare è l’aumento delle attività criminali, che rispetto all’anno scorso sono cresciute complessivamente del 7,8%. Il dato più preoccupante è quello dei delitti, aumenti dell’8%. Ma a crescere sono praticamente tutte le tipologie di reato. Le rapine sono salite del 20%, gli scippi del 18%, i borseggi addirittura del 27%. Di poco superiore la crescita dei furti in appartamento, dove si registra un +26%. E poi ci sono le auto rubate, che nella capitale l’anno scorso sono state oltre 20 mila: in pratica 491 ogni 100mila abitanti.

E scoppia di nuovo la polemica politica. Marco Miccoli, segretario del Pd romano, denuncia una situazione da far west. I dati, secondo il segretario democratico, descrivono una città ormai simbolo di corruzione e degrado, dove spadroneggiano le bande criminali. Anche l’Api attacca, parlando di fallimento delle politiche della giunta Alemanno sulla sicurezza e la lotta alla criminalità.

La maggioranza, dal canto suo, risponde con i dati elaborati dal dipartimento di pubblica sicurezza del ministero degli Interni, secondo i quali tra il 2007 e il 2010 i furti sono scesi del 35%, le rapine del 37%, gli scippi sono aumentati dello 0,5%. Inoltre, per il delegato alla sicurezza di Roma Capitale, Giorgio Ciardi, prendersela con il sindaco Alemanno è fuori luogo, visto che il contrasto alle attività criminali è compito delle forze dell’ordine.

[31-10-2011]

 
Lascia il tuo commento