Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Pedofilia a Rignano Flaminio

fiaccolata di solidarietà per sostenere la totale innocenza degli arrestati

Finiti gli interrogatori dei sei arrestati, tre maestre, una bidella e due uomini - il benzinaio cingalese e il marito di una delle insegnanti – il lavoro degli inquirenti sulla presunta banda di pedofili di Rignano Flaminio continua senza sosta. Si esamina il materiale informatico sequestrato nelle abitazioni degli inquisiti mentre si attendono i risultati dell’indagine psicologica a cui sono stati sottoposti altri nove bambini della materna.

In attesa deggli sviluppi della vicenda si alza forte in queste ore la voce degli innocentisti . Alcune colleghe hanno promosso una petizione di solidarietà nei confronti delle maestre finite in carcere per sostenere la totale innocenza delle donne e la certezza che la magistratura accerterà l’assoluta infondatezza delle accuse mosse loro. L’istanza pubblica è stata sottoscritta da 600 persone.

Ma non finisce qui, perché a Rignano è stata organizzata la fiaccolata di solidarietà verso tutti gli arrestati, una manifestazione davanti al carcere di Rebibbia. Per lo spostamento dei partecipanti sono stati già noleggiati quattro pullman. Secondo gli organizzatori, alla manifestazione dovrebbero aderire circa 400 persone.

Nei giorni scorsi si è fatta sentire anche la voce dei colleghi di un altro degli arrestati, Gianfranco Scancarello, marito di una delle insegnanti nonché autore della trasmissione di canale 5 buona domenica. Paola Perego e gli altri hanno fatto sapere di aver accolto la notizia del suo possibile coinvolgimento nella vicenda con incredulità. “nel pieno rispetto del lavoro della magistratura – si legge in un comunicato – e delle famiglie che hanno diritto di ottenere giustizia, siamo fiduciosi che presto scanca potrà tornare a lavorare con noi”.

Questa mattina gli atti dell’inchiesta sono stati depositati presso il tribunale del riesame che dovrà decidere sull’istanza di revoca del provvedimento di custodia cautelare presentata dai legali di alcuni degli inquisiti

 
 

[02-05-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE