Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Una targa in ricordo di Maricica Hahaianu

un anno fa l'aggressione di Burtone. Medici: "Se non l'avvessimo ricordata noi non l'avrebbe fatto nessuno"

“Contro ogni violenza, perché mai più accada”: si legge sulla targa posta oggi pomeriggio alla stazione metropolitana dell’Anagnina. Un monito ed un ricordo di quanto successo esattamente un anno fa. A pochi metri da questa targa, l’infermiera romena Maricica Hahaianu fu colpita con un pugno dal romano Alessio Burtone dopo una futile lite iniziata qualche metro più indietro per una fila non rispettata al tabaccaio. Maricica morì dopo alcuni giorni di agonia in ospedale. Oggi la comunità romena, l’Atac, che ha partecipato all’iniziativa, l’ambasciata presente con due funzionari ed il X Municipio hanno voluto ricordare così Maricica.

“A distanza di un anno, mi ritrovo sempre più convinto che sarebbe un bel segnale per la nostra città, oltreché per la famiglia, intitolare il Piazzale dell’Anagnina all’infermiera scomparsa - dice Sandro Medici, Presidente del Municipio X – anche per confortare il marito di Maricica, che si è sentito dimenticato ed è stato costretto a tornarsene in Romania. Se oggi non ci avessimo pensato noi non so chi avrebbe ricordato Maricica”.

A distanza di un anno, alla stazione Anagnina, nel ricordo di quella fatale aggressione c’è anche una piccola polemica, lanciata dal X Municipio, per l’assenza di rappresentanti del Comune di Roma.

“E’ un piccolo gesto per ricordare una nostra cittadina, e abbiamo l’impressione che se non ci fosse stato, nessuno a Roma avrebbe ricordato Maricica: e di silenzio in silenzio c’è il rischio di smarrire ogni coscienza civile”, dice dell’assessore alla sicurezza del Municipio X, Massimo De Simoni.

Dopo il tragico episodio si svilupparono in città numerose polemiche, in particolare riguardo alla brutalità con cui Maricica venne aggredita dal 21enne romano Alessio Burtone, ora sotto processo per omicidio preterintenzionale con l’aggravante dei futili motivi.

Sono state decine le persone che hanno portato mazzi di fiori in ricordo della romena o si sono fermate qualche minuto a riflettere di fronte alla targa inaugurata oggi. Tanti anche i passanti che hanno voluto dedicare alcuni minuti alla lettura di una poesia affissa su una delle colonne della stazione Anagnina.
 
 

[13-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE