Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

La nuova giunta Alemanno, atto III

deleghe a Rosella Sensi. Belviso vicesindaco. Dal Pd altro ricorso

E' il terzo rimpasto della giunta Alemanno, reso necessario dalla sentenza del Tar che aveva azzerato la giunta capitolina accogliendo due ricorsi per il mancato rispetto delle quote rosa. Per dirla in breve: troppe poche le donne tra gli assessori di Alemanno, l'unica era Sveva Belviso, titolare della delega alle politiche sociali. Ecco dunque cosa cambia: la Belviso conserverà l'assessorato alle politiche sociali ma sarà anche il nuovo vice sindaco al posto del senatore Mauro Cutrufo. L'altra donna in giunta è invece Rosella Sensi, ex presidente della As Roma. La Sensi si occuperà della promozione dei grandi eventi e della candidature di Roma alle Olimpiadi 2020, avrà anche la delega alla moda. "Rosella Sensi non è una scelta calcistica -ha detto Alemanno- non l'ho scelta perchè è romanista ma in quanto è un'imprenditrice di grandissime capacità. Ognuno ha la sua fede calcistica, ma quello che ci interessa è promuovere la città".

Confermati gli altri assessori, con Davide Bordoni che oltre a quella al Commercio avrà la delega al Decentramento. La delega al Turismo, che fino a ieri era assegnata all'ex vice sindaco Mauro Cutrufo, è passata ad Antonio Gazzellone che la eserciterà come delegato e non come assessore.

LA NUOVA GIUNTA
   
Il vicesindaco uscente Mauro Cutrufo ricoprirà un ruolo nel Pdl Nazionale. "Alemanno ha proceduto ad un'innovazione della propria giunta, in base a questo abbiamo chiesto al senatore Cutrufo di ricoprire l'incarico di coordinatore agli enti locali del Pdl, assieme a Nania e Valducci, ma con una specifica delega a Roma Capitale", ha detto il segretario del Pdl Angelino Alfano.

LE SEI PRIORITA' DEL CAMPIDOGLIO - Ecco in sei punti, spiega Alemanno durante la presentazione della nuova giunta, la sintesi di cosa il sindaci si ripromette di lavorare. 1) Garantire l'equilibrio di bilancio e il risanamento del debito ereditato. 2) Completare la trasformazione del Comune in Roma capitale. 3) Fronteggiare le emergenze sociali, sostenere il reddito delle famiglie attraverso un piano globale e completare il Piano nomadi. 4) Attuare il Piano biennale straordinario per la manutenzione stradale, il decoro, l'emergenza traffico e le periferie. 5) Mettere a punto il terzo patto per Roma sicura in collaborazione col Viminale. 6) Promuovere lo sviluppo di Roma capitale attraverso il Piano strategico di sviluppo, la candidatura ai Giochi olimpici del 2020 e la valorizzazione della cultura.

CUTRUFO - "Abbiamo concordato di uscire dalla giunta venire al partito nazionale, dove con il mio lavoro porterò le problematiche della capitale per aiutare a risolverle. L'approvazione del secondo decreto su Roma Capitale è essenziale", ha commentato Cutrufo.

L'OPPOSIZIONE "Faremo ancora ricorso"- L'opposizione critica l'ennesimo cambio tra gli assessori di Alemanno. "Con solo due donne in giunta è chiaro a tutti che il sindaco va contro lo statuto del Comune di Roma sulla rappresentanza delle donne. -ha spiegato il consigliere comunale Pd Paolo Masini. Un fatto grave che ci obbligherà a fare un nuovo ricorso al Tar, che sicuramente sarà vincente, e che costringerà in autunno il sindaco a varare una nuova giunta, la quarta".
 
TAG: giunta
 

[19-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE