Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Calcioscommesse: Ecco le partite di A sotto esame

Ma secondo un bookmaker austriaco sarebbero 10 quelle sospette

Sono Fiorentina-Roma 2-2, Lecce-Cagliari 3-3 e Genoa-Lecce 4-2 le tre partite di serie A finite sotto inchiesta per via del scandalo sulle scommesse nel mondo del calcio. Dall'interrogatorio di garanzia del dentista Pirani questi match erano considerati sicuri. Secondo Il Corriere della Sera però ci sarebbe anche Genoa-Roma finita 4-3 e che costò la panchina a Ranieri. Pirani verrà riascoltato oggi nel primo degli interrogatori investigativi, sui singoli episodi, che si concluderanno venerdì con il portiere Paoloni.

Se queste tre partite però sono finite sotto inchiesta altre potrebbero essere vagliate dalla procura di Cremona. Infatti, secondo quanto riferirebbero fonti vicine al bookmaker austriaco "Skysport365", che nei prossimi giorni dovrebbe consegnare la lista ai magistrati della procura di Cremona impegnati nelle indagini sul calcioscommesse, sarebbero diverse le partite del campionato di Serie A risultate "sospette", su cui si sono registrate scommesse anomale. Due sarebbero della Lazio e almeno una del Napoli(anche se le società potrebbero non essere direttamente coinvolte). Altre squadre di serie A comparirebbero nella lista: Roma, LecceBologna e Cagliari.

"La Roma è una società seria e pulita. Sono allibita e infastidita e lascio gli inquirenti fare il loro dovere, ma prego gli organi di informazione di non mettere tutti nel calderone". Si difende così Rosella Sensi dalle notizie riguardanti le partite della Roma finite sotto inchiesta.

Il Cagliari invece prende le distanze e tramite il suo presidente Cellino fa sapere che si costituirà parte civile: "Abbiamo preso le distanze da tutto questo. Ci costituiremo parte civile nei confronti di chi ha organizzato questo sistema perchè non è assolutamente bello. Come Lega chiederemo alla Federazione che faccia delle indagini accurate e approfondite. Vogliamo venire fuori da questa situazione e che ci sia chiarezza".

Anche la Fiorentina, tramite un comunicato ufficiale, si estranea dalla vicenda: "La Acf Fiorentina apprende dagli organi di stampa che è emerso il proprio nome nell'indagine condotta dalla Procura di Cremona in merito a presunte partite truccate. Rispetto alla vicenda oggetto di indagine, la Società, sin da subito, si dichiara estranea a qualsiasi ipotesi di illecito ed esclude in modo categorico il proprio coinvolgimento nella stessa. Della vicenda, infatti la Società non ha alcuna diretta e specifica conoscenza. La Società auspica che le indagini vengano fatte con rapidità e meticolositàin modo da fornire un quadro chiaro e reale della situazione".

Non sono mancate le dichiarazioni del presidente del CONI Gianni Petrucci, che ha parlato di perdità di credibilità: "È in gioco la credibilità dello sport e la fiducia di chi scommette. Giustizia sportiva e giustizia statale hanno regole, tempi e strumenti diversi, ma unendo le forze possono debellare questa piaga. Ribadisco la mia indignazione per come venga infangato il mondo del calcio da persone che di questo mondo fanno parte, anche ricevendone molto. Il calcio è un fenomeno di grande rilevanza sociale e non merita di essere offeso in questo modo. Come la medicina ci insegna, in un organismo grande e complesso possono esserci anche cellule nocive e degeneranti, per combattere le quali è necessaria una terapia di prevenzione e di contrasto sia all'interno che all'esterno dell'organismo: rafforzando gli anticorpi e colpendo le cellule malate".



Vincenzo Samà 
 
 

[07-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE