Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

La Virtus fuori dai playoff : inizia il processo

Montepaschi Siena 83 - Virtus Lottomatica Roma 73

Roma perde non solo i playoff e la licenza di Eurolega ma soprattutto la faccia nei confronti del resto dell'Italia cestistica.

Ora se Toti ha intenzione di restare alla guida della società, ci sarà bisogno di fare piazza pulita a partire dalla dirigenza, cambiare general manager, non dipendere da un direttore tecnico che lavori solo per corrispondenza e compiere un'autentica epurazione del roster.

Restino quindi gli italiani che hanno lavorato seriamente, e dei quali conosciamo tutti i nomi nonostante qualcuno abbia guardato tutto il girone di ritorno dal fondo della panchina. Basti ricordare le gerarchie imposte dallo stravagante coach Filipposchi, che ignora Giachetti e snobba Vitali, a quali disastri hanno portato. La disarmante incapacità di intervento societario sul mercato negli ultimi mesi è a dir poco sconcertante.

Non si parli più di rifondazione slava, perché l'unico che deve restare a tutti i costi è Dasic, mentre tutti gli altri possono pure accomodarsi, santoni e panciuti compresi. Non si parli più di gemellaggi e sodalizi con la Lazio Basket anche a costo di rischiare di far sparire il titolo Pallacanestro Virtus Roma o di dover ricominciare dalla Lega Dilettanti.
Nessuno dimentichi il trattamento riservato a Matteo Boniciolli, senza dubbio colpevole anch'egli di scelte scellerate e incapacità gestionali della squadra, ma che magari con lui alla guida il piazzamento finale sarebbe stato diverso.

Il futuro non è scritto, di sicuro si ridimensioneranno ulteriormente le ambizioni romane, si tornerà a giocare al PalaTiziano se non addirittura in qualche palestra scolastica, si saluterà lo sponsor Gioco del Lotto in favore del possibile subentro di Acea e soprattutto si faticherà parecchio per trattenere sul parquet qualche nome in una piazza sul baratro del decadimento sportivo.

L'unica speranza, ci auguriamo non troppo remota, è che la cordata calcistica con a capo Di Benedetto da Boston possa affiancare economicamente l'imminente transitorietà e il futuro congedo del presidente Toti, portando così nella capitale tutto il sapere cestistico acquisito nella East Conference NBA.

Montepaschi Siena batte Lottomatica Roma 83-73 (24-18, 42-42, 64-60). Siena: McCalebb 21, Zisis 5, Carraretto 4, Rakovic 7, Lavrinovic 9, Kaukenas 19, Ress 3, Michelori 1, Monaldi ne, Stonerook ne, Aradori 8, Moss 6. All.: Pianigiani.

Roma: Giachetti ne, Gigli, Smith 11, Washington 6, Vitali 7, Crosariol ne, Traore 14, Datome 12, Djedovic, Staffieri ne, Gordic 6, Dasic 17. All.: Filipovski. Arbitri: Lamonica, Taurino, Capurro. Note - Tiri liberi: Siena 19/25, Roma 9/14. Tiri da tre: Siena 6/15, Roma 6/20. Fallo antisportivo: 22'19. Datome (Roma). Usciti per falli: 37'05» Traore (Roma), 39'20« McCalebb (Siena).

Rimbalzi: Siena 33, Roma 30. Spettatori: 3600 circa.

Cocco Rossi Stuart

[15-05-2011]

 
Lascia il tuo commento