Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Giudiziaria
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Cronaca Giudiziaria
 
 

Omicidio Olgiata: Winston in carcere incontra la moglie

Intanto: proseguono le indagini sui familiari e Winston cambia gli avvocati

Nel carcere di Regina Coeli, Winston Manuel Reves ha incontrato questa mattina la moglie Rowena. Pochi minuti, un tempo breve ma emotivamente molto intenso: l’uomo tra le lacrime ha raccontato gli ultimi drammatici giorni trascorsi in isolamento nel carcere di via della Lungara e in particolare la decisione di confessare l’omicidio della contessa Alberica Filo della Torre. Winston, che in questi giorni e’ assistito da uno psicologo, ha inoltre chiesto di poter incontrare il cappellano del carcere. A breve, l’ex domestico dei Mattei, incontrerà anche la sorella Revelyn che in merito alla decisione del fratello di confessare, ha detto di sentirsi serena: “Se questa era la sua volontà, siamo tranquilli”.

Proseguono le indagini - Nel frattempo non si fermano le indagini degli inquirenti che vogliono capire se, oltre a Winston, qualcun altro tra i domestici di allora, abbia partecipato all’omicidio o fosse stato a conoscenza del fatto nel corso di questi anni. E’ per questo che ieri i carabinieri del nucleo investigativo hanno svolto una perquisizione nell’abitazione che ospitava Winston e la sua famiglia. In base a quanto si apprende non sarebbe stato portato via nulla, ma uno degli aspetti che resta ancora da chiarire in questa vicenda e' legato alla sparizione, nel giorno dell'omicidio, di alcuni gioielli appartenuti alla nobildonna, che potrebbero rappresentare un elemento in più per chiarire il reale movente dell’omicidio.

Cambio di avvocati - C'è stato un inaspettato cambio di difensori per Winston Manuel Reves, che ha infatti deciso di revocare gli avvocati Andrea Guidi, Flaminia Caldani e Mattia La Marra, per affidarsi a Valter Biscotti e Nicodemo Gentile. Gli avvocati Biscotti e Gentile, hanno una nota esperienza in campo criminale: i due penalisti, entrambi del foro di Perugia, assistono a Roma i familiari di Brenda, la transessuale coinvolta nel presunto tentativo di ricatto ai danni dell'ex Governatore del Lazio, Piero Marrazzo, e nel recente passato si sono occupati del delitto a Perugia di Meredith Kercher difendendo l'ivoriano Rudy Guede, condannato in via definitiva dalla Cassazione a 16 anni di reclusione, e Concetta Scazzi, la madre di Sarah, la ragazzina uccisa l'estate scorsa ad Avetrana.

Possibile ritrattazione - Questo cambio di avvocati, da parte di Winston, potrebbe far presagire un cambio di linea difensiva, con l'ipotesi di ritrattazione della confessione di omicidio da parte del filippino, per puntare sulla completa estraneità dell'uomo dai fatti a lui imputati. Una scelta, questa, estremamente rischiosa, che potrebbe, in caso di insuccesso, esporre il domestico ad una pena estremamente superiore (30 anni) di quella a tutt'oggi ipotizzata (16 anni), grazie alla sua spontanea confessione.
 

Stefano Pesce

 
 

[05-04-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE