Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Piano nomadi: rapporto di Alemanno in assemblea capitolina

niente pių tendopoli, saranno ampliati i campi attrezzati esistenti

L'utilizzo del Centro di accoglienza per i richiedenti asilo (Cara) di Castel nuovo di Porto come luogo dove accogliere, a rotazione, i rom sgomberati dai microinsediamenti abusivi, gestione dei servizi all'interno dei campi da parte della Cri e l'ampliamento dei sette campi attrezzati esistenti.

Questo in sintesi il piano nomadi del Campidoglio che cancella le tendopoli della discordia, decise subito dopo la tragedia dei tre bimbi morti nel rogo della loro baracca sull'Appia ma contestate dai presidenti di municipio. I tre punti che sintetizzano lo stato dell'arte del piano nomadi illustrato durante l'Assemblea capitolina straordinaria alla quale hanno partecipato anche il prefetto Giuseppe Pecoraro, il commissario della Cri Francesco Rocca e il Questore Francesco Tagliente. Prima di tutto, "con l'utilizzo del Cara - ha spiegato Alemanno - ci permetterà di cominciare a sgomberare i microcampi abusivi già dalla settimana prossima, in maniera sistematica, avendo una disponibilità che oggi è di 200 posti ma che contiamo, con lo sgombero dei richiedenti asilo, possano diventare 700". In secondo luogo, nei campi autorizzati arriverà la Cri "e ciò eviterà quegli sprechi che ci sono stati nel corso degli anni: non siamo soddisfatti dei servizi che sono stati forniti finora nei campi perchè molti dei soldi non sono servizia i nomadi ma ad autoalimentare le cooperative che gestiscono i servizi". Dal 2002 al 2007 sono stati stanziati circa 40 milioni per i nomadi più 10 milioni che sono stati stanziati per i servizi di scolarizzazione tra il 2005 e il 2008 per un totale complessivo di circa 50 milioni di euro. "Abbiamo deciso di ampliare i campi esistenti -ha detto il prefetto- fermo restando la necessità di trovare altre due aree per campi nuovi". L'opposizione si aspettava risposte più concrete. Per Francesco Rutelli (Api) "siamo passati dal piano nomadi all'andiamo piano coi nomadi. Portateci delle proposte, traducete i propositi dell'amministrazione in proposte di legalit… e integrazione".
 
 

[10-03-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE