Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

ICN2, i saluti di Marino con le parole di Fidel

Al via il vertice Fao-Oms sulla nutrizione

di Simone Chiaramonte

'El hambre es inseparable compañera de los pobres'. Il sindaco di Roma Ignazio Marino cita Fidel Castro nel suo saluto ai ministri e ai rappresentanti di 190 stati riuniti nella Capitale per la Seconda conferenza internazionale sulla nutrizione Fao-Oms. Il comandante cubano pronunciò quelle parole a Roma, nella sede dell’agenzia Onu al Circo Massimo nel 1996, riferendosi alle 35mila persone che ogni giorno, al tempo, morivano per la fame. “Oggi - afferma il sindaco - le statistiche che la direttrice generale dell'Oms, Margaret Chan ci porta non sono purtroppo molto migliorate. Parliamo di 805 milioni di persone nel pianeta che sono a rischio di morire per problemi di nutrizione, parliamo di una persona su nove di tutti gli abitanti della Terra".


Politiche per l'agricoltura
- Il sindaco ha poi elencato alcune delle iniziative di Roma, la più grande città agricola d’Europa, a sostegno del settore primario: “La giunta capitolina ha cancellato varie delibere che permettevano nuove concessioni edilizie nell’Agro romano, per distribuire le terre a giovani agricoltori. “Abbiamo già distribuiti 100 ettari - afferma Marino -  entro il mese di dicembre lanceremo un nuovo bando”. A sostegno dell’agricoltura in piccola scala rientrano poi l'approvazione del regolamento che disciplina gli orti urbani e giardini condivisi, la creazione di un mercato di prodotti a chilometro zero e la gestione municipale di 4 imprese agricole, due delle quali biologiche.


Tra i relatori, per il governo italiano, presenti il neo ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che hanno approfittato del vertice internazionale per lanciare Expo2015: “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è il tema dell’esposizione universale di Milano, una piattaforma che “incrementerà la consapevolezza globale sui temi della sostenibilità, della malnutrizione, dell’agricoltura familiare e del pari accesso di genere”.


La Dichiarazione di Roma
- Momento atteso della prima giornata della Conferenza l’adozione della Dichiarazione di Roma sulla nutrizione. Lo strumento giuridico internazionale impegna i governi a sconfiggere la fame e a prevenire ogni forma di malnutrizione, nella sue molteplici accezioni. La mancanza di micronutrienti, più comunemente definita “fame nascosta”, riguarda circa 2 miliardi di persone nel mondo. Una dieta contente un eccesso di micronutrienti è causa invece dell’obesità di 500 milioni di persone nel mondo e del sovrappeso di 42 milioni di bambini.


I dati riguardanti la fame nel mondo sono rimasti pressoché invariati negli ultimi 20 anni, da quando nel 1992 si tenne a Roma la Prima conferenza internazionale sulla nutrizione. Per sradicare i problemi della sottonutrizione e dell’obesità - risultato di un modello economico-sociale geograficamente circoscritto negli anni Novanta ma oggi diffuso quasi ovunque nel mondo occidentale - i rappresentanti dei Paesi membri sono chiamati a realizzare azioni concrete. A loro, nella seconda giornata della ICN2, si rivolgerà Papa Francesco, quarto pontefice a prendere parola alla Fao e primo a partecipare alla sessione dei lavori dell’agenzia Onu.

 
TAG: icn2 - marino - fao
 

[19-11-2014]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE